Editoriale

  • Versione integrale dell'articolo apparso su Mosaico di Pace di Maggio 2014

    Terra del veleni

    L’imponente mobilitazione popolare, che ha portato per le strade campane decine di migliaia di cittadini, impauriti dalla grave situazione di degrado ambientale in cui versa la regione Campania, è l’epilogo di una vicenda che dura da quasi vent’anni, caratterizzata da un percorso di attivismo civico che ha contribuito nel tempo a far luce sul tema dei veleni campani. Esiste tuttavia un tentativo di sfiancamento della mobilitazione dal basso cresciuta negli anni e che oggi ha la necessità di riaffermarsi con una piena riappropriazione del ruolo di cittadinanza attiva nonché il recupero della appartenenza ad un movimento capace di elaborare in autonomia e senza condizionamenti “terzi” le proposte migliori per la propria terra.
    12 marzo 2015 - Vittorio Moccia
    vuoto

Collabora

PeaceLink Campania si basa su una redazione virtuale composta da volontari che producono articoli, dossier e libri, utilizzando le nuove tecnologie per favorire il giornalismo popolare e la costruzione sociale dell'informazione con meccanismi che nascono dal basso.
Se hai qualcosa da dire e vuoi ricevere la giusta visibilità, se hai voglia di pubblicare articoli ed inchieste, se hai bisogno di far conoscere le attività della tua associazione o del tuo comitato, scrivici ed entra a far parte della nostra struttura.
Fai click qui
RSS logo

Se vuoi essere informato sugli eventi culturali campani relativi ai temi dell'ambiente e della pace o se vuoi ricevere i comunicati delle associazioni e dei comitati regionali campani, iscriviti alla lista informativa di PeaceLink Campania
Fai click qui

Galleria Foto

Notizie

  • Per il Clima e per l’Ambiente

    Come Salvaguardia Ambiente Campania invitiamo gli studenti ad aderire allo “sciopero” globale per il clima del 15 marzo e a partecipare alla grande Marcia per il Clima del 23 marzo, con l’intento di allargare in maniera costruttiva la base di condivisione di una visione nuova del mondo che fermi questa folle ed immorale corsa alla fine prematura dell’umanità.
    1 marzo 2019 - SAC
  • Napoli, Domus Ars, 8 febbraio 2019, ore 18,00

    Incontro pubblico su “Armi e Pericolo Nucleare”

    Le lancette del Doomsday Clock, l’orologio del rischio di estinzione dell’umanità creato dal Bulletin of the Atomic Scientists nel 1947, segnano solo due minuti alla mezzanotte già dal 2018, a causa degli armamenti nucleari e del cambiamento climatico. Ora l’annuncio del ritiro USA dal trattato INF (Intermediate-Range Nuclear Forces), subito seguito da un analogo annuncio da parte della Russia, amplifica enormemente i pericoli che corrono in particolare l’Italia e l’Europa, riportandoci ai momenti peggiori della Guerra Fredda.
    4 febbraio 2019 - Comitato Pace e Disarmo
  • Il "Doomsday Clock", l'orologio della fine del mondo, segna due minuti alla mezzanotte.

    30 gennaio 2019 - Cecilia Butini
  • Napoli, scuola militare nella caserma Bixio: i pacifisti attaccano de Magistris

    Insorgono i comitati per l'uso della caserma concessa dal Comune: "Come fa il sindaco a parlare di città di pace?"
    23 gennaio 2019 - Antonio Di Costanzo
  • Operazione Nunziatella

    Come Comitato Pace e Disarmo non possiamo che condannare l’accordo del Comune di Napoli con il Ministero della Difesa per l’insediamento nella città di Napoli di una Scuola Militare Europea, in linea con l’idea della costituzione di un esercito europeo
    22 gennaio 2019 - Comitato Pace e Disarmo

Newsletter Napoli - Campania

napoli@peacelink.it archivio pubblico
Archivio pubblico di napoli@peacelink.it

    Approfondimenti

    • Rifiuti tossici in Campania: una questione europea

      1 gennaio 2008 - Antonio Polichetti
    • Come gli animali che periscono, una lettera di Alex Zanotelli

      Mi piace girarvi una lettera di Alex Zanotelli. E’ lunga, ma forse descrive la situazione di Napoli da un altro punto di vista. E’, come suo solito, una voce fuori dal coro mediatico che ci fornisce informazioni omogenee e preconfezionte, conoscendolo credo che il suo punto di vista possa far discutere ma sia più vicino alla realtà di chi vive da anni una situazione di degrado inaccettabile in un paese che dovrebbe avere l’obbligo della memoria e della civiltà!
      5 febbraio 2008 - Padre Mariano

    Rassegna Stampa

    Powered by PhPeace 2.6.16 - Informativa sui cookies: questo sito utilizza esclusivamente cookies di tipo tecnico senza finalità commerciali