Impregilo, no al sequestro di 245 milioni

10 febbraio 2012
Fonte: Il Mattino

IIltribunale del Riesame di Napoli ha rigettato la richiesta di un nuovo sequestro di oltre 245 milioni di euro alla Impregilo, l'azienda che ha realizzato il termovalorizzatore di Acerra e i sette impianti di Cdr (poi declassati a stir) della Regione Campania. Lo riferisce la Reuters che scrive di aver appreso la notizia da «fonti legali'. La richiesta di sequestro era stata avanzata dai pubblici ministeri Paolo Sirleo e Giuseppe Noviello che dopo approfondimenti investigativi avevano quantificato in circa 246 milioni di euro il presunto illecito profitto derivato dalla tariffa di smaltimento versata a due società controllate da Impregilo, la Fibe e la Fibe Campania. A fine settembre la Cassazione aveva annullato con rinvio la decisione presa a maggio dal tribunale del Riesame che aveva bocciato l'istanza della Procura per il sequestro di 246 milioni. Il Riesame, dopo quasi tre mesi di camera di consiglio, ha confermato la decisione iniziale, sottolineando che i nuovi elementi non incidono un maniera sostanziale sulla determinazione già presa. Peri prossimi giorni è attesa un'altra sentenza del Riesame su sequestri per 115 milioni per crediti vantati dalle società controllate da Impregilo derivanti da tariffe di smaltimento. L'azienda attende anche la decisione della Consulta in merito alla proprietà del termovalorizzatore.

Powered by PhPeace 2.6.4