IL PROBLEMA NON E' IL TERMOVALORIZZATORE

Romano: la Regione ha fatto quel che doveva

Balletto di responsabilità tra le istituzioni locali. L'assessore incontra il ministro Clini
23 novembre 2011 - c.c.
Fonte: Cronache di Napoli

NAPOLI - Il presidente del consiglio Mario Monti sta predisponendo una richiesta di proroga rispetto alle scadenza dei termini per i chiarimenti da fornire a Bruxelles sul piano di smaltimento rifiuti di Napoli e della Campania. Ne dà notizia l'assessore all'Ambiente della Regione Giovanni Romano. "La Regione Campania ha già lavorato per consentire al Dicastero competente di avviare l'iter necessario e ha fatto tutto ciò che era nelle sue competenze - ha sottolineato Romano - Ha nominato cioè i commissari per l'individuazione delle discariche in provincia di Napoli e Salerno; per la realizzazione degli impianti di biodigestione all'interno degli Stir e per la gara relativa al termovalorizzatore di Napoli Est. Ciò che da Bruxelles ci contestano non sono affatto i termovalorizzatori - precisa Romano - ma i tempi che occorreranno ad attivare un ciclo completo".
Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris commentando le voci provenienti da Bruxelles che ipotizzano una multa sostanziosa per l'Italia scarica le responsabilità sulla giunta regionale. "Quello che dovevamo fare - ha spiegato il sindaco - lo stiamo facendo in collaborazione con la Regione e la Provincia, ma per quanto riguarda il piano lo si deve chiedere al presidente Caldoro che intrattiene i rapporti direttamente con Bruxelles, avendo ritenuto di intrattenerli direttamente come presidente della Regione Campania". Dieci giorni fa, il vicesindaco di Napoli e assessore comunale all'ambiente, Tommaso Sodano, aveva proclamato, con un eccesso di ottimismo che "l'emergenza rifiuti è ufficialmente finita". E ieri pomeriggio, ha ribadito che le responsabilità sono addebitabili alla precedente giunta regionale di Antonio Bassolino: "Mi stupisco che ci sia qualcuno che si stupisce, l'Italia è sotto infrazione dal 2007 per la gestione degli anni passati, che non hanno disposto un sistema efficiente, impianti adeguati e non hanno potenziato la raccolta differenziata". "Il Comune di Napoli - ha precisato Sodano - ha risposto a tutti i quesiti posti: sulla raccolta differenziata c'è un cronoprogramma; abbiamo aperto tre siti di trasferenza e venerdì speriamo di poter dare l'annuncio della partenza della prima nave, dopo la visita degli olandesi che arriveranno a Napoli questa sera". Intanto, sempre ieri, l'assessore Romano ha incontrato a Roma il neo ministro dell'Ambiente Corrado Clini. "E' stata l'occasione - ha detto Romano al termine del colloquio che ha definito informale - per consegnare al ministro, che ringrazio per la disponibilità e la sensibilità dimostrate, alcuni documenti tecnici relativi alle criticità della Campania, con particolare riferimento al ciclo integrato dei rifiuti". Insomma l'intervento del nuovo governo sembra essere una speranza per le istituzioni locali le quali, a questo punto, oltre questo non possono aspirare ad altri aiuti. 

Powered by PhPeace 2.6.4