«Termovalorizzatore, offerta valida»

L'assessore: «Possibile l'affidamento diretto, l'impianto interessa ad un Consorzio con a capo l'A2A». De Magistris: «Senza la volontà del sindaco non si farà nulla. Rifiuti in Olanda? Prima nave entro Natale»
20 novembre 2011 - Mariano Rotondo
Fonte: Roma

NAPOLI. «La gara è andata deserta, ma c'è un'offerta valida che è da giudicare fuori dal contesto della procedura che si è conclusa alle 12 di venerdì. Adesso sarà il commissario Alberto Carotenuto a valutare serenamente il progetto del Consorzio Ati ed a scegliere cosa fare. Potrebbe anche optare per l'affidamento diretto dell'opera». Parole, quelle dell'assessore regionale all'Ambiente, Giovanni Romano, che non faranno piacere al Comune, poiché a Palazzo Santa Lucia la "frenesia" dell' inceneritore non è assolutamente passata. «A2A che è a capo della cordata - continua Romano - ci ha spiegato le ragioni per cui non ha potuto prendere parte ufficialmente al bando. In sostanza non aveva le copertura bancarie necessarie, ma subito dopo la scadenza ha presentato un offerta, con tanto di progetto, al commissario Caro-tenuto per dimostrare di essere pronta a mettere mano alla realizzazione ed alla gestione del termovalorizzatore di Ponticelli». Come a dire, insomma, a Palazzo San Giacomo di non esultare per la gara andata deserta, perché l'impianto si farà anche se con strade alternative rispetto a quelle programmate tuttora. «Adesso - ribadisce e conclude l'assessore - sarà Carotenuto a giudicare. Potrebbe decidere per l'assegnazione diretta al Consorzio qualora l'offerta fosse favorevole o addirittura emanare un nuovo bando con caratteristiche diverse da quello finito deserto». E sulla vicenda inceneritore si è espresso nuovamente anche il sindaco de Magistris: «Se nessuno ha presentato un'offerta è segno che anche gli imprenditori hanno capito che Napoli si sta orientando su un'altra strada in materia di rifiuti - dice - è questo il dato giuridico, ed inoltre a quanto pare le aziende sono convinte della bontà del nostro programma che non prevede l'incenerimento, senza considerare il fatto che senza la volontà del sindaco di è difficile pensare di fare l'impianto in città». De Magistris commenta anche la necessità di una nuova ricapitalizzazione di Asia sottolineata di recente dal presidente dell'azienda Raphael Rossi: «È una una battaglia continua, ci sono stati dei problemi che stiamo superando e supereremo, si tratta di problemi che però si risolvono se c'è determinazione e volontà. È una questione che sto seguendo anche io direttamente - prosegue - ed ho messo a punto alcuni provvedimenti che non posso ancora rivelare. Sono intoppi che però non ci faranno cambiare strada. La rivoluzione in materia di ambiente è piena di ostacoli». Il primo cittadino, inoltre, conferma che gli inviati dall'Olanda saranno a Napoli in settimana «per due giorni per completare l'iter che poi dovrebbe finalmente condurre alla partenza entro Natale della prima nave di rifiuti».

Powered by PhPeace 2.6.4