L'INCONTRO Incontro ieri pomeriggio presso il Maschio Angioino dove il vicesindaco Tommaso Sodano ha aggiornato sulla situazione

Raccolta differenziata, priorità assoluta

Le azioni dovranno partire dal Comune per arrivare a scuole ed Università.
16 novembre 2011 - francesco monaco
Fonte: Cronache di Napoli

NAPOLI - Ieri presso l'Antisala dei Baroni del Maschio Angioino, il Vice Sindaco, Tommaso Sodano, ha incontrato le associazioni e i movimenti ambientalisti napoletani per aggiornare loro sulla situazione della raccolta differenziata e dell'osservatorio sui rifiuti zero. "Questi incontri servono per tenere alta la tensione- le parole del Vice Sindaco, che ha proseguito - Per noi la bonifica è una priorità da attuare attraverso la cura costante del territorio". Durante l'incontro si sono tenuti ben presenti i due punti all'ordine del giorno, non lesinando, però, io sforamento in altri temi, che però, come promesso, saranno analizzati in altre riunioni che, periodicamente, saranno tenute. "La chiusura della discarica di Chiaiano ci soddisfa ma deve essere solo l'inizio, per evitare di ripetere gli errori del passato. Siamo in attesa della partenza delle navi di rifiuti per l 'Olanda. I tempi si sono allungati a causa di alcuni problemi burocratici, come il fatto che la prima gara sia andata deserta e alcuni disguidi tra porto e trasportatori". Non sono mancati anche aggiornamenti su cifre che il Comune attende per accelerare progetti e idee . "Avevamo messo a disposizione 8 milioni e mezzo per la gara per l'estensione del porta a porta fino a 325mila cittadini. Gara che però è andata deserta per ben due volte, rallentando le operazioni. Nonostante questo, però, la raccolta differenziata è stata completata a Scam- pia, siamo pronti a partire con Pasillipo e speriamo con parte dei Quartieri Spagnoli. Ci sono 5 milioni di euro che ci erano stati garantiti dal Governo e dei quali andremo a chiedere lumi appena la situazione del paese si sarà stabilizzata". L'attenzione si è poi spostata anche sull'osservatorio sui rifiuti zero "Una delibera sulla rete di rifiuti zero è fondamentale ed implica una serie di azioni che devono partire dal Comune stesso, per poi arrivare alle scuole, le grandi utenze, le università L'osservatorio è fondamentale in quest'ottica e conto sul fatto che i rappresentanti di quelle associazioni che saranno chiamati a farne parte, possano tenere ben presenti gli interessi e le proposte di tutte le altre". Proposte che non sono mancate durante l'incontro, con le associazioni che hanno avuto modo di esprimere le proprie idee, spesso concordanti, ma non prive di alcuni punti di contrasto. Tema comune resta una mancata forma di entusiasmo per la situazione della raccolta differenziata, troppo diversificata da quartiere a quartiere, e una forte richiesta di una repressione nei confronti degli svernamenti abusivi, ma non solo. Rastrelliere per compostaggio, controllo delle discariche, potenziamento delle isole ecologiche, introduzione di un dissipatore dell'umido. E se da un lato ci sia una giusta premialità per chi fa il proprio dovere, dall'altro anche punizioni per chi trasgredisce i dettami di legge.

Powered by PhPeace 2.6.4