Il servizio coinvolge 32mila utenze Sodano: compostaggio a Napoli est il traguardo del 70% è possibile

Raccolta «porta a porta», da stamane scatta il piano a Scampia

Il consorzio Aumentato il conferimento di plastica e alluminio Parte l'appello «I cittadini collaborino»
17 ottobre 2011 - Valerio luliano
Fonte: Il Mattino

Da oggi, in tutto il territorio di Scampia, si farà la raccolta differenziata dei rifiuti. Lo ha annunciato ieri il vicesindaco Tommaso Sodano, in occasione della tappa napoletana della campagna informativa «Raccolta 10 Più», promossa dal Conai. E terminata, dunque, la distribuzione dei kit - contenenti i sacchetti e i volantini illustrativi - che era stata avviata il 20 settembre scorso da Palazzo San Giacomo. La raccolta differenziata porta a porta interesserà 31570 utenti di Scampia, che si aggiungono ad altri 10000, già coinvolti dal 2008. «Napoli non deve rinascere, come dicono intanti. Perché è già rinata - ha dichiarato il  sindaco Luigi De Magistris, intervenuto all'iniziativa del Conai- Stiamo facendo una rivoluzione ambientale. Il percorso è ancora lungo ma stiamo rispettando il cronoprogramma che avevamo stilato nello scorso mese di giugno. Questo è accaduto nonostante siano stati tagliati al Comune tutti i fondi, anche quelli che ci spettano». Cinquecentomila napoletani da coinvolgere nella differenziata entro gennaio 2012. Questo il prossimo obiettivo dell'amministrazione, confermato da Sodano. Una fase che deve poi condurre al raggiungimento del 60-70% di raccolta, entro il 2013. «E un traguardo da raggiungere a tutti i costi. Ci obbliga la legge. Tuttavia - ha proseguito il vicesindaco - abbiamo urgente bisogno di impianti di compostaggio per lo smaltimento dell'umido, che a Napoli rappresenta il 40% del totale dei rifiuti prodotti. Si eviterebbe di portarlo fuori regione, abbattendo i costi. Realizzeremo 2 o 3 impianti in città. A nostro avviso, uno dovrebbe nascere nell'area di Napoli Est, invece del termovalorizzatore previsto dalla Regione Campania». BRE 2011- MESI DEL RIMO ELI Una corretta raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio rappresenta per il Conai il primo passo per il riciclo dei materiali, che si traduce nella riduzione dell'inquinamento e nella produzione di energia. Nel 2010, nella provincia di Napoli, è aumentata del 25% la quantità di rifiuti di imballaggio conferita al Conai. Circa 126mi1a tonnellate rispetto alle 1O0mila dei 2009. «I cittadini- sottolinea il presidente Roberto De Santis - possono contribuire a migliorare il riciclo e, nel contempo, permettere al proprio Comune di ottenere benefici economici derivanti dall'accordo che abbiamo stipulato con l'Ami». Un corrispettivo che il consorzio stima in circa 10 milioni di euro per un Comune con una raccolta pari al 45%. Una battuta, a margine della manifestazione, De Magistris ha riservato al coordinatore regionale del Pdl Cosentino che l'altro ieri l'aveva attaccato. «Chi è Cosentino? - ha detto il sindaco - Io non rispondo a Cosentino, pensi ai suoi processi per mafia».

Powered by PhPeace 2.6.4