Roghi nella notte e mini-discariche torna l'allarme spazzatura in città

La denuncia Incendi. e cumuli in periferia come in alcune zone del centro È quasi emergenza a Chiaiano
10 settembre 2011 - s.b.g.
Fonte: Il Mattino

Finita l'estate e rientrati in città, i napoletani iniziano a guardare quasi con paura ai cumuli di spazzatura che, lentamente, cominciano a spuntare in qualche angolo della città e della periferia. E tornano, come un campanello d'allarme i roghi. Soltanto nella notte di giovedì sono stati trenta gli incendi di spazzatura, non solo in periferia ma anche a Fuorigrotta. L'ordinanza della Regione per il conferimento dei rifiuti di Napoli nelle altre province (Avellino e Caserta) non è stata ancora reiterata in attesa dei risultati ordinati dal 'Far Lazio al Politecnico di Forino sulla reale capienza delle discariche ma soprattutto perché al momento non c'è emergenza. Ma una nuova crisi potrebbeessere dietro l'angolo a giudicare dai segnali che arrivano da diverse zone della città, dove spuntano di notte mini-discariche e cumuli (soprattutto materiali ingombranti) e dove da qualche giorno si registrano nuovamente roghi di immon - dizia. Appena due giorni fa l'assessore regionale Giovanni Romano ha frenato i timori. In pratica non ci sono le condizioni per produrre una nuova ordinanza: «Non abbiamo avuto la richiesta dalle province interessate, cioè Napoli e Salerno, perché non c'è Io stato di non sufficienza. Un risultato effetto delle ordinanze che sono servite non solo a garantire la gestione quotidiana, ma anche a recuperare negli impianti Stir, oltre al venir meno del decreto legge del governo», che prevedeva il nulla osta delle Regioni ai flussi extraregionali. In ogni caso sono già avviate tutte le procedure per nuovi trasferimenti in altre regione: «Con Liguria, Toscana ed Emilia Romagna abbiamo già protocolli d'intesa e abbiamo inoltre rinegoziato le quantità, intanto i flussi continuano», ha sottolineato Romano. A Chiaiano, intanto, sono rispuntati i rifiuti in strada. Il presidente del parlamentino territoriale, Angelo Pisani chiede interventi per la pulizia delle strade. «L' azienda perla raccolta dei rifiuti mi dice ogni giorno che loro hanno precisi ordini: raccogliere la spazzatura solo in alcuni punti». Da via Toscanelfa a via dei Ciliegi, passando per traversa Santa Maria a Cubito, via Spinelli, fino a giungere a Scampia, dove il porta a porta è partito solo sulla carta, ma i territori di Napoli Nord muoiono ancora sotto i rifiuti». «Assurdo ed ingiustificato - conclude Pisani - pretendere solo il pagamento della Tarsu senza fornire alcun servizio».

Powered by PhPeace 2.6.4