Fumi tossici nello scantinato sgomberata una palazzina

Paura ai Decumani Malore per gli operai al lavoro nel seminterrato
9 settembre 2011 - Marisa La Penna
Fonte: Il Mattino

Rifiuti tossici sotterrati nello scantinato di un palazzo ai Decumani. L'allarme è scattato nella tarda mattinata di ieri in un edificio di vico II Quercia dove alcuni operai, impegnati nella rimozione del pavimento dagli scantinati, sono stati colti da malore per le esalazioni provenienti dal terreno. I vigili del fuoco chiamati dai condomini - che temevano una fuga di gas - hanno intercettato così i maleodoranti liquami. Ed è stata quindi disposta l'evacuazione di una mezza dozzina di famiglie che occupano l'edificio al civico 7 di vico II Quercia. Questa mattina gli inquilini (non risultano esserci invalidi e bambini) dovrebbero rientrare nelle loro case dopo l'intervento di una ditta specializzata nella rimozione di rifiuti speciali incaricata, appunto, di bonificare lo scantinato. ' In merito alla natura dei liquami, fino a ieri sera i vigili del fuoco, che hanno rilevato campionature del materiale tossico, non avevano ancora emesso il verdetto. Stadi fatto che si potrebbe trattare di vernici, di acidi fotografici o di altre sostanze velenose. Quegli scantinati molti anni fa ospitavano, infatti, depositi fotografici e depositi di vernici. Gli operai hanno accusato un forte bruciore agli occhi e capogiri quando hanno rimosso il pavimento dagli scantinati. Tra gli altri sono intervenuti anche gli esperti del nucleo Nbcr (Nucleare, batteriologico, chimico e radioattivo) dei vigili del fuoco e personale della Asl Napoli I. La palazzina (di cinque piani), occupata prevalentemente da uffici, ospita anche sei famiglie che, come detto, sono state fatte sgomberare. Gianfranco Wurzburger, ex assessore della II Municipalità, lancia un ulteriore allarme: «Dovrebbero essere controllati tutti gli edifici della zona. Non voglio creare allarmismi, ma temo infatti che altri palazzi possano riservare brutte sorprese: un tempo molti artigiani si liberavano dei rifiuti tossici sotterrandolo Dal canto suo Francecso Chirico, presidente della II Municipalità, ha subito allentato l'assessorato comunale al Patrimonio e alle Politiche sociali. Racconta l'accaduto: «Inizialmente si pensava a una perdita di gas. Ma i vigili del fuoco hanno accertato invece che si trattava di esalazione da materiale di tipo bituminoso, maleodorante, sicuramente velenoso». «I vigili - riprende il presidente Chirico - hanno misurati quindi i livelli di tossicità che sono risultati subito molto alti. Per questo hanno ritenuto di dover evacuare il palazzo che è stato così piantonato da agenti della Polizia municipale. Gli inquilini sono stati ospitati da parenti. Aspettiamo l'esito delle analisi per capire di cosa si tratta e intercettare eventuali responsabilità. Poi passeremo alle denunce». Qualche mese fa un episodio analogo si era verificato in un edificio sotto il quale si stanno eseguendo i lavori della metropolitana.

Powered by PhPeace 2.6.4