Porta a porta, riunione fiume

Il ministro sarà all'ombra del Vesuvio nei prossimi giorni per valutare da vicino il piano studiato dall'ex pm. Il sindaco vede anche Fitto a cui chiede le risorse utili per completare le linee della metropolitana
27 luglio 2011 - marot
Fonte: Il Roma

NAPOLI. Incontro fiume tra il ministro all'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, il sindaco Luigi de Magistris, il suo vicesindaco, Tommaso Sodano, il governatore Stefano Caldoro, il presidente della Provincia, Luigi Cesaro e l'assessore regionale all'Ambiente, Giovanni Romano, Un tavolo che è cominciato poco dopo le 20 e che si è prolungato fino nella notte. Al centro della riunione l'emergenza rifiuti della città partenopea e le possibili soluzioni per superare la crisi. In particolare si è parlato dell'incremento della raccolta differenziata e della costruzione dell'impiantistica per Napoli. Un nodo dove la titolare del dicastero ha promesso al primo cittadino partenopeo dieci milioni di euro per estendere il porta a porta a cinquecentomila abitanti entro la fine dell'anno. Nei prossimi giorni, inoltre, la Prestigiacomo confermerà la data della sua visita in città, quando insieme a de Magistris ed al suo vice Sodano, sarà nel capoluogo per vedere da vicino i risultati raggiunto da de Magistris e per valutare sul posto l'efficacia del progetto differenziata che il primo cittadino intende estendere a tutta la città già per il 2012. Vertice ad oltranza, insomma, dove si sono affrontati anche altri argomenti come l'impiantistica utile ad uscire da questa fase di emergenza ed anche per prolungare l'effetto dei provvedimenti. La durata dell'incontro, infatti, lascia pensare che ci sia stato qualche disaccordo a riguardo del termovalorizzatore su cui Caldoro e de Magistris si sono già scontrati diverse volte. Prima dell'incontro con la Prestigiacomo, infine, de Magistris è stato accolto dal ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto. Sul tavolo della riunione i fondi per la metropolitana del capoluogo campano. «In ogni caso - riferiscono fonti vicine al primo cittadino - si tratta di risorse che devono passare attraverso lo stanziamento da parte del Cipe». In ogni caso le risorse per la metropolitana arriveranno anche se con ritardo rispetto alla tabella di marcia. L'ex pm, per finire, ha ribadito anche al ministro FItto la necessità dei fondi Fas che servono a Napoli per uscire dal'emergenza ma anche per portare a termine i grandi eventi e per realizzare i progetti che la città attende ormai da troppi anni senza successo. marot

Powered by PhPeace 2.6.4