Rifiuti, scatta la solidarietà per Napoli

Cimitile: sarà un impegno temporaneo per evitare una crisi complessiva
22 giugno 2011
Fonte: Il Mattino Benevento

Il Sannio sarà solidale con Napoli per superare quest’ultima emergenza rifiuti, ma senza aumentare i flussi e i quantitativi da smaltire. È quanto è emerso nel corso del vertice che si è svolto ieri a Napoli tra il Governatore Caldoro e i presidenti delle Province campane. «I partecipanti alla riunione - ha spiegato il presidente Aniello Cimitile - hanno preso atto della devastante situazione in cui si trova la città di Napoli a causa della giacenza di centinaia di tonnellate di rifiuti tal quale per le strade e della assoluta urgenza di un intervento non più dilazionabile da parte del Governo centrale per la soppressione di ogni vincolo al trasferimento dei rifiuti fuori regione, senza il quale rischia seriamente di entrare in crisi irreversibile l'intero sistema campano con la conseguente dichiarazione dello stato di emergenza». E di fronte a questa situazione e all’arrivo dell’estate è stata individuato un percorso da compiere. «In considerazione di questo e grazie al senso di responsabilità dei presidenti delle Province - continua Cimitile - è stato avviato un percorso per far fronte alla situazione fino al 15 luglio per evitare il disastro. Tutti peraltro hanno riconosciuto la precarietà assoluta dell'impianto di discarica di Sant'Arcangelo Trimonte ed hanno pertanto cancellato ogni richiesta per aumentare i flussi verso di essa rispetto a quelli attuali». In tale contesto, il presidente Cimitile ha discusso con il Governatore e con l'assessore regionale all'ambiente Romano le maggiori problematiche e criticità che si registrano nella gestione del ciclo dei rifiuti nel Sannio e sono stati individuati interventi che potranno evitare che il sistema vada in corto circuito in questa provincia. Intanto ha chiuso in pareggio il bilancio 2010 della Samte, la società della Provincia di Benevento che si occupa della gestione del ciclo dei rifiuti. Il documento finale è stato approvato nel corso dell'Assemblea dei Soci tenuta presso la Rocca dei Rettori. Come sottolinea la stessa società provinciale, l'equilibrio di bilancio - raggiunto grazie a una gestione attenta - consentirà di non aumentare la tariffa praticata per il conferimento di rifiuti presso lo Stir di Casalduni nell'anno 2010. E l’amministratore della società, Diego Perifano, intervenendo al convegno organizzato dalla Cgil a Palazzo Mosti ha fornito assicurazioni per il futuro dei lavoratori dei consorzi. «Una volta che il servizio di gestione dei rifiuti sarà divenuto a tutti gli effetti provinciale - ha detto Perifano - i 127 lavoratori dei consorzi di bacino rientreranno nel ciclo. Lo abbiamo detto con chiarezza, anche attraverso il Piano industriale approvato di recente. Nel bando di gara che sarà elaborato dalla Samte stabiliremo che l'aggiudicataria del servizio dovrà impegnarsi ad assorbire i lavoratori dei consorzi. In questo modo ci metteremo al sicuro per garantire l'occupazione». Numerosi e importanti sono stato i contributi apportati al dibattito dai convenuti ad iniziare dal Prefetto di Benevento, seguito dagli assessori Provinciale e Comunale all' ambiente, gli Amministratori della Samte. Da quanto emerso dal dibattito, teoricamente la dotazione organica della Samte potrebbe, a regime, rispondere alla ricollocazione non solo degli ex lavoratori dei consorzi, ma anche di quelli già impiegati a vario titolo nel settore; tuttavia per realizzare tutto questo è opportuno istituire una cabina di regia unitaria con il sindacato.

Powered by PhPeace 2.6.4