«Torna l’emergenza», duello De Luca-Romano sui «flussi»

Il Sindaco di Salerno attacca "Colpevoli Prefettura e Regione"
La replica "I conti non tornano"
2 giugno 2011
Fonte: Il Mattino

De Luca lancia l’allarme. Attacca Prefettura e Regione. L’assessore regionale ribatte e accusa. Al centro dello scontro «il ritorno imminente dell’emergenza a Salerno» e la questione termovalorizzatore. Dice il sindaco di Salerno: «Siamo di fronte all'ipotesi concreta di un altro scandalo di dimensioni nazionali. Rispetto alla saturazione del sito di trasferenza di Ostaglio, dove si sono ormai accumulate 1.500 tonnellate di rifiuti, la Prefettura di Salerno e la Regione Campania si confermano totalmente irresponsabili. Nella città prima in Italia per la raccolta differenziata si corre il rischio di avere l’immondizia in strada». De Luca annuncia che nelle prossime ore informerà il Presidente della Repubblica «della drammatica situazione che si sta vergognosamente ed in maniera incredibile verificando nella nostra città». Secondo De Luca questa situazione che si sta creando «è il risultato di comportamenti istituzionali del tutto inconcludenti, che dimostrano un'incapacità operativa che va denunciata all'opinione pubblica e alle autorità competenti». «La Regione Campania - aggiunge - non è stata da meno, confermando drammaticamente che non è in grado di garantire il flusso di conferimenti dei rifiuti. Ed in questo degradante contesto istituzionale l'assessore incompatibile all'Ambiente della Regione Campania continua a trastullarsi con l'annuncio di piani di intervento risibili ed improduttivi, perseverando nel nullismo della sua azione amministrativa. È evidente che Prefettura e Regione Campania saranno chiamate ad assumersi tutte le responsabilità del disastro che si potrebbe, purtroppo, determinare a Salerno». Immediata la replica dell’assessore regionale Giovanni Romano: «Dov'è finita la celebrata autosufficienza della città di Salerno in fatto di rifiuti tanto sbandierata dal supersindaco di Salerno?». Le affermazioni di De Luca, incalza l'assessore, «stupiscono non poco innanzitutto perchè, per rendere onore alla fama che si è mediaticamente costruito, il supersindaco di Salerno queste questioni dovrebbe riuscire a risolverle da solo dimostrandoci, come spesso ama ripetere a se stesso, di essere il più bravo di tutti. Tanto più che ha i poteri per farlo compreso quello di realizzare una discarica cittadina al posto del termovalorizzatore che dice di non volere più. È la legge che a lui e non alla Regione attribuisce questa competenza. L'assessore Romano ha poi analizzato la questione nel dettaglio». E ancora: «Il supersindaco di Salerno ha dichiarato che la sua è una città modello, che vanta il 75% di raccolta differenziata, e di poter fare a meno di ogni altro impianto, soprattutto del termovalorizzatore. Se tutto ciò rispondesse al vero - aggiunge Romano - in considerazione dei flussi di smaltimento garantiti quotidianamente dalla Provincia di Salerno verso lo Stir di Battipaglia, il sito di stoccaggio di Ostaglio dovrebbe essere vuoto. Ed invece scopriamo che è saturo. Cosa c'è, quindi, ad Ostaglio? Sarà opportuno accertarlo perchè i conti non tornano».

Powered by PhPeace 2.6.4