Arriva Berlusconi "Stop alla Tarsu se c'è l'emergenza"

Doppio annuncio con il candidato pdl Lettieri
"Subito legge speciale e termovalorizzatore"
13 maggio 2011 - Gerardo Ausiello
Fonte: Il Mattino

Abolizione temporanea della Tarsu, legge speciale per Napoli e uno sprint sul termovalorizzatore. È il piano in tre mosse con cui Silvio Berlusconi punta a risolvere l’emergenza rifiuti e a vincere al primo turno la sfida per il Comune. Il presidente del Consiglio arriva oggi in città per chiudere la campagna elettorale di Gianni Lettieri. L’appuntamento è per le 17,30 alla Mostra d’Oltremare, nel padiglione 6, lo stesso che ospitò il premier un anno fa per il comizio con Stefano Caldoro, attuale presidente della Regione. Con lui ci saranno i dirigenti locali del Pdl e i candidati alle Amministrative. Si preannuncia un discorso a effetto, con accuse ai magistrati e qualche sorpresa. In primis la probabile sospensione della Tarsu, già ipotizzata da Lettieri: «Fino a quando ci sarà un solo mucchio di immondizia per le strade i cittadini non pagheranno la tassa sui rifiuti. Io chiedo a Lettieri e a Guido Bertolaso, che si è messo a disposizione, di risolvere il problema» ha chiarito ieri Berlusconi nel corso di un collegamento telefonico con Radio Kiss Kiss Napoli. «Sono convinto che vinceremo al primo turno» ha poi aggiunto. L’ex presidente dell’Unione Industriali si è detto pronto a fare la propria parte: «La Tarsu a Napoli vale circa 170 milioni di euro, sborsati per il 70 per cento dalle aziende e per la restante parte dalle famiglie. Conosco i numeri del bilancio. Ma lo stop momentaneo è possibile - assicura - perché io risolverò il problema in tempi rapidissimi. È soprattutto una forma di garanzia per i cittadini. Non posso consentire che i napoletani paghino per un servizio di cui non usufruiscono. Sono indignato, dobbiamo mettere fine a questa vergogna». Il piano del centrodestra, messo a punto d’intesa con il governo, prevede una serie di misure urgenti: avvio immediato della differenziata porta a porta, con conseguente eliminazione dei cassonetti dalle strade; smaltimento dei rifiuti parte in una regione italiana, parte in uno Stato estero; realizzazione in otto mesi dell’impianto di compostaggio. Il Cavaliere sembra inoltre deciso ad assumere pubblicamente l’impegno di approvare in tempi rapidi una legge speciale per Napoli, che il candidato sindaco del centrodestra ha posto al primo punto del suo programma (72 interventi nei primi cento giorni): il provvedimento, già sperimentato a Roma e Catania, potrebbe prevedere maggiori poteri per il Comune sul fronte dello smaltimento dell’immondizia. Lettieri ha infatti affermato più volte di volersi assumere «tutte le responsabilità sul ciclo dei rifiuti». Con la legge obiettivo l’imprenditore vorrebbe anche prepensionare 5mila dipendenti per lasciare il posto a mille giovani neolaureati e ottenere i poteri speciali allo scopo di accelerare le opere e semplificare le procedure burocratiche. Non è escluso, infine, che dal palco il presidente del Consiglio decida di mostrare a tutti il bando del termovalorizzatore di Napoli Est, pubblicato nelle scorse settimane, come simbolo del «buon governo del Pdl dopo anni di fallimenti del centrosinistra».

Powered by PhPeace 2.6.4