Cancello e Arnone

Azienda zootecnica sversa nel canale E lì vicino c’è un altro cimitero di bufali

13 aprile 2011
Fonte: Il Mattino Caserta

Le carcasse  La Forestale ne ha contate 11 ma sottoterra ve ne sono di più Il gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Scognamiglio, ha convalidato un altro sequestro, operato dagli uomini del Comando Stazione Forestale di Castelvolturno, di un area adibita a cimitero illegale di carcasse di capi di bestiame bufalino in località «Tronata» del Comune di Cancello e Arnone. A R.A. di anni 48 è stato, peraltro, sequestrato l’intero complesso aziendale ad indirizzo zootecnico, anche a causa dello scarico (e quindi lo smaltimento illegale di reflui zootecnici), direttamente in un attiguo canale. Gli agenti della Forestale di Castelvolturno hanno riscontrato che dall’unica vasca di contenimento per la raccolta di reflui zootecnici, colma all’atto del sopralluogo, tracimavano reflui che venivano immessi direttamente nel vicino canale. Inoltre in un terreno vicino è stato scoperto un cimitero illegale di bufale ove sono state abbandonate undici carcasse di vitelli bufalini tutte in avanzato stato di decomposizione e non ancora ricoperte di terreno. Gli agenti del Corpo Forestale hanno rilevato anche la presenza di parti anatomiche quali zoccoli, colonne vertebrali, corna ed ossa di bovini che affioravano dal cumulo di terreno, circostanze queste che fanno presumere la presenza di altre carcasse illecitamente seppellite in loco. Anche in questo caso, considerata l’evidente pericolosità per l’igiene e la salute pubblica, derivante dalla decomposizione a cielo aperto, è stato, pertanto, richiesto l’intervento della competente Unità Operativa Veterinaria .

Powered by PhPeace 2.6.4