Patto bipartisan: sì agli sversamenti fuori provincia

Si allarga il fronte dei consensi alla proposta di superare la norma della provincializzazione
26 marzo 2011 - Gerardo Ausiello
Fonte: Il Mattino

Crescono i consensi attorno al nuovo piano dei rifiuti, che prevede il superamento della provincializzazione. È in primis la deputata del Pdl, Pina Castiello, che invita tutti alla responsabilità: «È necessario individuare misure utili per evitare una nuova drammatica emergenza dopo la chiusura di due discariche su quattro. Il Consiglio regionale vada avanti sulla strada intrapresa per indicare soluzioni per un’efficiente ed efficace regionalizzazione del ciclo. Nei momenti di difficoltà il senso istituzionale si misura su queste scelte - insiste - Sono certa che nei prossimi giorni, per il bene della nostra terra, prevarrà questa impostazione. Una emergenza a Napoli penalizzerebbe l’intera economia regionale. Nel mondo la Campania è Napoli». Una posizione, questa, già espressa dal coordinatore del Pdl Nicola Cosentino: «La normativa attuale è estremamente rigida nella fissazione dei criteri e non tiene conto delle particolarità del territorio. Bisogna studiare altre soluzioni coinvolgendo tutti ed evitando, con il buon senso che non deve mai mancare, inutili guerre. Tutti sono chiamati a dare il proprio contributo per superare una situazione che non penalizza solo la qualità della vita a Napoli, ma l’immagine nazionale ed internazionale dell’intera regione». In questa direzione si registra anche l’appello del candidato sindaco del Pdl Gianni Lettieri agli avversari: «La strada giusta è superare la provincializzazione della gestione dei rifiuti che va affidata ai Comuni. Napoli ha i mezzi, le risorse e gli uomini per gestire in proprio i rifiuti ma deve realizzare gli impianti necessari, a partire da quelli di compostaggio. Salerno ne ha costruiti due, noi non ne abbiamo nessuno». Per il candidato sindaco del Pd, Mario Morcone, «il problema dev’essere affrontato prima di tutto con la raccolta differenziata, che riduce le quantità e promuove un consumo consapevole». I presidenti delle Province di Caserta, Avellino e Benevento, Domenico Zinzi, Cosimo Sibilia e Aniello Cimitile sono invece contrari: «Non è possibile mettere in discussione il principio di provincializzazione della gestione dei rifiuti che ha permesso alla quasi totalità delle province campane di uscire dall’emergenza e di conseguire risultati importantissimi, con il raggiungimento di un livello di autonomia e di una gestione virtuosa dell’intero ciclo integrato. Tornare indietro significherebbe far ripiombare la Campania in un contesto di totale in

Powered by PhPeace 2.6.4