Più differenziata nuova intesa con il Conai

Accordo tra Provincia e consorzio per lo smaltimento dei rifiuti elettronici
23 febbraio 2011 - lor.ca.
Fonte: Il Mattino Caserta

Nuova intesa con il Conai per ampliare i volumi di raccolta differenziata. La Provincia di Caserta e il Consorzio nazionale imballaggi, presenteranno, venerdì, il nuovo piano operativo relativo ai servizi di raccolta differenziata dei rifiuti (frazione organica, rifiuti di imballaggio, rifiuti elettrici ed elettronici) da implementare nei 104 comuni del territorio. Il piano industriale, il primo di questo genere nelle Regioni del Sud, fa seguito al protocollo di intesa siglato già lo scorso dicembre tra Provincia e Conai e mira a raggiungere, una volta arrivati a regime, gli obiettivi di raccolta previsti dalla legge su tutto il territorio provinciale. Le linee guida del programma operativo saranno illustrate dal presidente della Provincia, Domenico Zinzi, dall’assessore provinciale al ramo Umberto Arena e dal direttore generale del Conai Walter Facciotto. L’accordo che sarà presentato nei prossimi giorni segue - dal punto di vista tecnico e operativo - quello già elaborato lo scorso dicembre, tendente a conseguire un forte incremento alla raccolta differenziata per elevare la media provinciale, ancora su livelli piuttosto bassi. Su queste basi corso Trieste e Conai hanno dunque avviato una collaborazione per lo sviluppo della raccolta differenziata e del ricilo dei rifiuti di imballaggio. A rendere necessaria la partnership l’analisi di alcuni dati elaborati dalla Provincia nei mesi scorsi: il tasso di differenziata su base territoriale è stato pari al 14 per cento nel 2008, al 21 nel 2009 e al 29 nei primi sei mesi del 2010. A fine anno, le previsioni di corso Trieste erano di raggiungere, almeno, il 35 per cento per poi attestarsi su valori più elevati in questi mesi. E dunque venerdì si farà anche il punto sul raggiungimento di questi primi obiettivi: e questo spiega anche il perché, su impulso del presidente Zinzi, l’amministrazione provinciale ha puntato molto sull’accordo con il Conai, il consorzio senza fini di lucro costituito dai produttori e utilizzatori di imballaggi con la finalità di perseguire, in una logica di responsabilità condivisa fra cittadini, pubblica amministrazione e imprese, gli obiettivi di legge di recupero e riciclo dei materiali di imballaggio. In più di dieci anni, il Conai ha garantito il recupero del 74% dei rifiuti di imballaggio immessi al consumo, di cui il 64% sono stati riciclati e la restante parte avviata a recupero energetico. Le linee guida dell’intesa hanno riguardato la diffusione e l’implementazione di servizi di raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio (acciaio, alluminio, carta, plastica, legno e vetro) nonché promuovere e uniformare i modelli di raccolta a livello provinciale, privilegiando una raccolta «monomateriale» per la carta, cioè senza la presenza di altri materiali, una raccolta «monomateriale» per il vetro, e la raccolta del «multimateriale leggero» (plastica, acciaio e alluminio). «Dobbiamo raggiungere l’obiettivo del 50 per cento di raccolta differenziata previsto dalla pianificazione provinciale - ha sottolineato Zinzi - In questo modo verranno poste le basi per evitare l’insorgere di situazioni di tipo emergenziale. La Provincia ritiene molto importante questa iniziativa, che necessita, però, della fattiva collaborazione dei cittadini».

Powered by PhPeace 2.6.4