«No a speculazioni industriali sull’area dell’ex Isochimica»

La Federazione della Sinistra cgiede al Comune di intervenire
"Sia realizzato un parco pubblico"
27 novembre 2010
Fonte: Il Mattino Avellino

Sulla vicenda dell’ex Isochimica, interviene Costantino D'Argenio di Prc - Federazione della Sinistra di Avellino. «L'area dell'ex Isochimica - si legge in una nota - non può essere oggetto di speculazioni da parte di nessuno. La querelle tra l'Asi e l'Eurokomet sulla destinazione d'uso ci appare completamente irrispettosa per la storia tragica di quel luogo. Non è assolutamente pensabile che si possa realizzare su quell'area un mercato o una fiera settimanale, con evidenti finalità speculative da parte di chi lo propone. E non è altresì pensabile di poter riattivare alcun tipo di attività industriale in una zona che dovrebbe essere stata bonificata dall'amianto, ma non ancora definitivamente, come se nulla fosse, aggravando nuovamente le condizioni ambientali di una zona a ridosso di un quartiere densamente abitato come la Ferrovia. Riteniamo che il Comune di Avellino debba assumere un'iniziativa forte, ponendo definitivamente fine alla questione. Trovi le risorse e la forma giuridica necessarie per acquisire direttamente l'area e sottrarla a ogni forma di speculazione e di sfruttamento industriale. Quell'area deve a nostro avviso essere destinata a parco verde fruibile dai cittadini del quartiere e della città, con la realizzazione di un memoriale delle vittime dell'amianto per ricordare la catastrofe ambientale avvenuta per anni nella completa indifferenza delle istituzioni. Per una città come Avellino l'Isochimica rappresenta una piccola Hiroshima, e così come è stato fatto in Giappone, è indispensabile un luogo del ricordo e di monito per tutti».

Powered by PhPeace 2.6.4