«Ho agito nell’interesse dei cittadini»

La difesa di Auricchio: "ho il dovere di tutelare la salute pubblica"
19 novembre 2010 - fr.gr.
Fonte: Il Mattino

Alla notizia della denuncia per procurato allarme e interruzione di pubblico servizio, il sindaco di Terzigno Domenico Auricchio è andato su tutte le furie: «Mi venissero pure ad arrestare, adesso. Ho agito nell’interesse dei cittadini e per tutelare la salute pubblica, non ho fatto nulla di male».
Al ritorno da Roma, dopo aver incassato il no a cava Vitiello, i toni diventano più concilianti. Sindaco, secondo la Procura la sua ordinanza è illegittima. «Io penso di no. Credo ancora di aver fatto bene, perché ho agito d’accordo con i cittadini. Tuttavia adesso potrei revocarla. La cosa importante è che nel frattempo siamo riusciti ad ottenere la cancellazione di cava Vitiello».
Quindi per lei cava Sari può riaprire? «Deciderò dopo aver ascoltato tutti e dopo un confronto con Provincia e prefetto. Non posso non tenere conto dell’iniziativa della Procura e dei capi d’accusa che mi contesta».
La sua giornata è iniziata male, con la denuncia, ma è finita con il provvedimento del Consiglio dei ministri che chiedevate da tempo «Ho parlato personalmente con Berlusconi. Ha mantenuto la sua promessa e ha cancellato la seconda discarica nel Parco Vesuvio. Si tratta di un grande successo, dovuto anche agli stessi cittadini, che si sono battuti con forza».
La gente, però, chiede anche la bonifica di cava Sari e continua a protestare. «Anch’io ho più volte segnalato che c’è ancora tanta puzza e che i problemi sono moltissimi. Non mi sarei mai permesso di firmare quell’ordinanza se non fossi stato a conoscenza dell’esasperazione dei cittadini. Anzi, io mi aspetto che finalmente si faccia qualcosa per eliminare il tanfo insopportabile che ancora c’è».

Powered by PhPeace 2.6.4