La vertenza

Dipendenti Stir in sciopero per il salario negato

11 novembre 2010 - li.sa.
Fonte: Il Mattino

Lavoratori Stir in sciopero, il 19 novembre. La protesta è per la mancata corresponsione del premio di produttività. La questione potrebbe caricare di tensione l’incontro - convocato per martedì 16 novembre - tra le organizzazioni di categoria ed i vertici di IrpiniAmbiente per avviare le procedure di assorbimento, a partire dal primo gennaio del prossimo anno, dei lavoratori impegnati nel comparto. Ma le difficoltà del settore rifiuti sembrano destinate a non finire mai. A destare preoccupazione è la scelta di alcuni comuni - a partire dal capoluogo - di mantenere in proprio il servizio di spazzamento. Se l’amministrazione di Avellino sta avviando - tra numerose polemiche - la costituzione di una società cui affidare il servizio, criticità si registrano in altri comuni come Lioni, dove lo spazzamento è gestito dal 2005 da una società. I sei dipendenti della Dhi, che ha rilevato l’appalto nell’anno in corso, devono ancora riscuotere gli stipendi di settembre ed ottobre. Sulla vicenda è intervenuto Michele Caso della segreteria della Uil che - oltre ad annunciare iniziative di protesta e sollecitare il sindaco Rodolfo Salzarulo ad intervenire - non manca un riferimento più generale: «La vicenda di Lioni dimostra che le preoccupazioni del sindacato sono più che fondate. Il servizio di spazzamento non può andare in deroga perché spesso, pur di ottenere un abbassamento dei costi, i comuni consentono violazioni delle norme e dei diritti dei lavoratori». Rispetto alla vicenda Lioni, intanto, ci sono i burrascosi trascorsi con la Tekosan che si è aggiudicata l’appalto nel 2005 e dalla quale gli addetti vantano sette mensilità arretrate oltre al Tfr; difficoltà per i dipendenti si registrano anche nei rapporti con la Dhi.

Powered by PhPeace 2.6.4