Marcegaglia: «Ma Napoli non è solo clan e monnezza»

27 ottobre 2010
Fonte: Il Mattino

Il modello virtuoso per gestire la raccolta dei rifiuti a Napoli? È più vicino di quanto si possa pensare. Parola del presidente di Confindustria Emma Marcegaglia. «Ci vogliono interventi strutturali che non sono stati mai fatti», afferma il numero uno di viale dell’Astronomia, ieri a Napoli per partecipare alla diciassettesima edizione di Orientagiovani. Quali interventi? Per averne un esempio «non bisogna andare in Danimarca o in Svezia - spiega il leader degli industriali - basta andare a Salerno, dove in due anni si è passati dal 7% al 75% nella raccolta differenziata». «Serve la strumentazione che esiste dappertutto: discariche dove necessario e termovalorizzatori dove necessario», aggiunge Marcegaglia, ma il problema è «l’immobilismo totale» che c’è stato a Napoli negli ultimi due anni. Con la nuova emergenza rifiuti, torna inoltre il rischio «che ci siano infiltrazioni della camorra. E questo è gravissimo». In ogni caso, assicura il presidente di Confindustria, «a Napoli ci sono tante cose positive, non solo spazzatura e clan». Sulla questione interviene anche il presidente della Camera Gianfranco Fini, che, intervenendo alla presentazione di un libro su Garibaldi, commenta i disordini di Terzigno: «L’immagine del tricolore, bruciato nei giorni scorsi durante gli scontri non può che costituire motivo di dolore e preoccupazione».

Powered by PhPeace 2.6.4