Gara rifiuti, via libera dalla prefettura

30 aprile 2010
Fonte: Il Mattino

Bando rifiuti, la Prefettura di Caserta ha sciolto le riserve. Nessuna delle tre società in lizza per l'appalto sulla nettezza urbana è stata mai colpita da interdittiva antimafia. Una notizia che consentirà finalmente all'Ente di concludere l'iter di affidamento avviato venti giorni fa, ma subito bloccato a causa dell'assenza dei certificati antimafia. In realtà però le indagini della Prefettura non sono ancora finite. Dopo questa prima fase generale, l'esame degli atti continuerà infatti soltanto sulla società aggiudicataria. «L'appuntamento con le tre candidate (la Igica di Caivano, la Aet di Napoli e la Ipi di Roma) - spiega il responsabile unico del procedimento, Carmine Sorbo - è fissato per martedì mattina alle ore 12. In quella sede valuteremo le offerte e assegneremo l'appalto, seppure in via provvisoria». La società che assumerà l'incarico sarà infatti operativa sul territorio soltanto dopo l'ok definitivo della Prefettura che, salvo problemi, dovrebbe pervenire entro dieci giorni dall'aggiudicazione. Nel frattempo la vincitrice della gara potrà iniziare a organizzare uomini e mezzi, in base a quanto previsto dal capitolato di appalto, per la gestione delle attività di spazzamento, raccolta e smaltimento rifiuti. L'incarico, del valore di otto milioni di euro, avrà una durata di circa otto mesi. Intanto la Ecologia Saba (la società che si occupa del ciclo integrato dei rifiuti in città dal 2008, ma che si è vista rescindere il contratto due mesi fa a seguito di un provvedimento di interdittiva antimafia emanato nei suoi confronti dalla Prefettura di Napoli per presunte infiltrazioni camorristiche) ha depositato in tribunale una nuova richiesta di sospensiva che sarà discussa il prossimo 12 maggio. Se il Tar Campania questa volta dovesse accogliere le sue istanze, la società potrebbe rimanere al suo posto fino all'udienza di merito prevista nel prossimo mese di luglio.

Powered by PhPeace 2.6.4