Il report «Osserva Salerno»

Rifiuti, ancora troppi cittadini fuorilegge

I dati del primo dossier di Legambiente dopo il varo della raccolta differenziata
31 gennaio 2010 - Viviana Navarra
Fonte: Il Mattino Salerno

Il primo report annuale 'Osserva Salerno' parla chiaro: le zone che vengono puntualmente 'sporcate' da chi di tenere pulito il territorio se ne infischia, sono ancora tante. Troppe. Ieri mattina la presentazione dello studio elaborato dall'associazione Legambiente Salerno Orizzonti presso la circoscrizione Rioni collinari."L'abbandono dei rifiuti non è legato solo alla raccolta differenziata-afferma l'assessore comunale all'Ambiente, Gerardo Calabrese- ma ad un atteggiamento erroneo, che va corretto. Molte persone non si rendono conto dei danni che arrecano con la loro incuria: non hanno rispetto né per l'ambiente né per chi ci vive, inclusi quindi loro stessi. L'amministrazione provvede a ripulire le strade ma se questi cittadini 'indifferenziati' continuano imperturbabili ad inquinarle non si riesce ad arrivare lontano". "Tuttavia percepisco segnali di miglioramento - conclude l'assessore Calabrese-. Sono convinto che riusciremo ad arginare i fenomeni di inciviltà attraverso campagne di sensibilizzazione costanti". Gli fa eco il presidente della circoscrizione Rioni Collinari, Massimiliano Natella: "Occorre educare le coscienze al rispetto per l'ambiente, che è di tutti". Già, l'ambiente, questo sconosciuto per i cittadini "di serie B" , che continuano a considerarlo un affaire di poco conto. "La nostra azione di monitoraggio ambientale, iniziata esattamente un anno fa, ha interessato tutto il territorio urbano- dal centro alla zona orientale- e si è concentrata in particolare su alcune realtà molto evidenti - spiega il presidente di Legambiente Salerno Orizzonti, Gianluca De Martino-: i punti di congestione della mobilità veicolare, il deterioramento del verde pubblico (in particolare il mancato reimpianto degli alberi ndr), l'abbandono di rifiuti incontrollato e sparso su suolo e acque e l'uso improprio dei contenitori per i rifiuti speciali come pile, batterie e farmaci". "Quello che è evidente è che il degrado genera degrado-incalza Gianluca De Martino-: aree poco curate o verso le quali l'attenzione è minore, producono un effetto negativo sul cittadino che si sente invogliato a sporcare". Le immagini catturate dai volontari dell'associazione ambientalista 'Orizzonti' registrano episodi di manifesta villania: fioriere che diventano deposito di carte, bottiglie ed altri rifiuti. Spazzatura di vario genere abbandonata su arenili, aiuole, strade e marciapiedi. Gettacarte considerati da alcuni cittadini come vecchi cassonetti per l'indifferenziato, sacchetti dell'immondizia collocati accanto alla quasi totalità delle campane di raccolta del vetro, mozziconi di sigaretta e gomme da masticare gettati sull'asfalto. "Oggetto della nostra attenzione sono stati inoltre il deposito e la raccolta dei rifiuti speciali, come pile e batterie usate e farmaci scaduti - spiega ancora il presidente di Legambiente Salerno Orizzonti-. A questo proposito abbiamo riscontrato che la maggior parte delle farmacie di Salerno da noi osservate possiedono sì i contenitori dei farmaci scaduti, ma in alcuni casi questi sono stracolmi. Inoltre solo una esigua parte dei tabacchini da noi analizzati è dotato al suo esterno di raccoglitori per pile e batterie usate e alcuni di questi risultano essere mal utilizzati in quanto diventano anche deposito di rifiuti di vario genere". Che provvedimenti vanno presi allora per scoraggiare gli irriducibili 'inquinatori'? "La sensibilizzazione e quindi la prevenzione sono importanti, ma fino ad un certo punto - osserva Rosario Battipaglia, istruttore direttivo della polizia municipale presso il reparto motociclisti-. Occorrono sanzioni dure. "Uno strumento utile per contenere il fenomeno dell'inquinamento ambientale è sicuramente quello di far presidiare da poliziotti in borghese le zone che vengono ripetutamente deteriorate da quei cittadini sprovvisti di senso civico - sostiene infine Battipaglia".

Powered by PhPeace 2.6.4