BATTIPAGLIA

Discariche non bonificate un esposto

29 ottobre 2009 - Carmine Galdi
Fonte: Il Mattino Salerno

Battipaglia. Il comitato ambiente e vivibilità richiama l'attenzione istituzionale sul degrado del territorio. Il presidente, Cosimo Panico, ha sollecitato in una denuncia al sindaco, al servizio di prevenzione e protezione dell'Asl/Sa2 e al dipartimento provinciale dell'Arpac di analizzare l'inquinamento del suolo, delle falde acquifere ed in particolar modo di controllare la sicurezza delle discariche e dei siti di stoccaggio provvisori disseminati in lungo e in largo la città. «Siamo molto preoccupati dall'abbandono delle autorità competenti in materia, che da tempo non informano la comunità sulla loro attività d'indagine ambientale. Troppe voci discordanti diffondono dati poco incoraggianti sullo stato di salute dei residenti, voci che determinano confusione e paura. Ecco perché - spiega Panico - ritengo che gli addetti ai lavori debbano fare chiarezza smentendo o confermando certe strane tesi sull'inquinamento». Il comitato ambiente e vivibilità punta l'indice contro la mancata bonifica di discariche e di siti provvisori per lo stoccaggio dell'immondizia. Dal 1970 al 1995 i rifiuti solidi urbani cittadini sono stati depositati nelle discariche di Grataglie e Castelluccio, siti mai bonificati. A peggiorare la situazione è l'emergenza proclamata in Campania nei primi anni 2000. Nel perimetro urbano, infatti, vengono ufficialmente realizzati tre siti di raccolta. «Sono anni che il territorio battipagliese viene martoriato da queste piccole e grandi discariche autorizzate, è essenziale che si avviino seriamente i controlli, per ottenere risposte certe e non solo strane ipotesi», lamenta Panico. Il comitato ambiente e vivibilità è deciso ad andare avanti, preannunciando, se non arriveranno risposte vere, una raccolta di firme seguita da un esposto ai carabinieri e alla Procura della Repubblica.

Powered by PhPeace 2.6.4