Discarica fuorilegge, scatta il sequestro

Cataste di elettrodomestici e materiale elettrico nei guai 59enne di Salerno proprietario dell’area
9 giugno 2009 - Emanuela Anfuso
Fonte: Il Mattino Salerno

Pontecagnano Faiano. Sigilli ad una discarica abusiva di ben 20mila metri quadri in via Flavio Gioia nei pressi della litoranea di Pontecagnano. L'operazione è della locale polizia municipale, agli ordini del comandante Michele Pezzullo, che ha scoperto l'invaso abusivo durante un normale servizio di controllo. Ad intervenire sono stati il tenente Franco Lancetta ed il maresciallo Umberto Forte. L'ingresso al fondo, di proprietà di un 59enne di Salerno, era interdetto da una sbarra chiusa con un lucchetto che i vigili urbani hanno dovuto scavalcare per poter effettuare i controlli. All'interno dell'area sono stati rinvenuti soprattutto materiali di risulta e detriti. All'interno di un manufatto in disuso c'erano accatastati frigoriferi, registratori di cassa, lavatrici e motori elettrici. Con molta probabilità parte dei materiali rinvenuti sono stati scaricati dallo stesso proprietario del terreno in quanto titolare di alcuni supermercati. Dopo gli accertamenti di rito durati l'intera mattinata di ieri, la polizia municipale ha provveduto a sequestrare l'intera area ed il manufatto, mentre il titolare del fondo è stato denunciato per violazione delle norme ambientali. Il sospetto dei vigili urbani è che l'uomo consentisse a persone a lui conosciute di sversare il materiale di risulta perché non si poteva accedere liberamente al fondo. Episodi del genere non sono nuovi alle forze dell'ordine, che si ritrovano spesso a dover sequestrare aree utilizzate come discariche a cielo aperto. Poche settimane fa fu la guardia di finanza di Salerno a porre i sigilli ad un'area localizzata sempre in prossimità della fascia costiera di Pontecagnano. Le fiamme gialle riuscirono ad immortalare gli autisti di camion mentre scaricavano, senza nessuna autorizzazione, materiale di risulta. La polizia municipale della città picentina sottoporrà ad ulteriori controlli la zona in questione per fermare questo genere di attività considerate una vera minaccia per l'ambiente. Altri sopralluoghi saranno effettuati nelle prossime settimane alla ricerca di zone adibite a discariche abusive. L'irresponsabilità di molti cittadini rende la fascia costiera un ricettacolo di spazzatura e materiale ingombrante: su molte strade si notano cumuli di sacchetti dell'immondizia, pneumatici e di altri materiali difficili da smaltire. Il comportamento di cittadini disciplinati passa in secondo piano quando si deve assistere allo smaltimento scorretto dei rifiuti in barba alle regole imposte dalla raccolta differenziata. I residenti della fascia costiera chiedono una maggiore presenza delle forze dell'ordine e la polizia municipale dovrebbe garantire maggiori controlli proprio nei mesi estivi prolungando il servizio anche nelle ore notturne. Ma le famiglie chiedono a gran voce anche la istituzione di servizi essenziali, come un ufficio postale ed una farmacia. «Non abbiamo nulla ed ogni volta che ci occorrono medicinali o dobbiamo ritirare la pensione siamo costretti a fare uso della macchina. Non è giusto continuare a vivere in questo modo. Vogliamo maggiore attenzione dalle istituzioni locali per rendere questa zona finalmente vivibile».

Powered by PhPeace 2.6.4