Tempi sempre più lunghi per il processo dei record Fino a settembre toccherà ai nomi citati dall’accusa

Rifiuti, 400 testimoni in aiuto di Bassolino

Il Tribunale accoglie la richiesta della difesa. Ma sulla differenziata saranno ascoltati solo 50 sindaci
26 febbraio 2009 - Giuseppe Crimaldi
Fonte: Il Mattino

Oltre 400 testimoni citati dai difensori degli imputati. Che vanno così ad aggiungersi agli 86 convocati dall’accusa. Alla fine di una interminabile sequenza di udienze, il processo a carico dei 28 imputati per l’emergenze rifiuti in Campania - tra loro ci sono anche il presidente della Regione, Antonio Bassolino, oltre agli ex vertici della Impregilo - giunge finalmente a un primo punto di partenza. Nove mesi dopo l’apertura del dibattimento, il processo inizia a decollare. La tappa importante di ieri è stata segnata da una camera di consiglio al termine della quale i giudici della quinta sezione penale del Tribunale di Napoli (presieduto da Adele Scaramella) ha sciolto la riserva in merito alla richiesta avanzata da vari avvocati del collegio di difesa di interrogare in qualità di testimoni, sulla circostanza della mancata raccolta differenziata, 500 sindaci dei comuni della Campania. Alla fine i giudici hanno così deciso, invitando i legali a indicare, per ciascuna lista testi presentata, solo cinque sindaci «a scelta». Facendo una semplice addizione, vien fuori il numero di testimoni che dovranno essere ascoltati. Sono circa 536, tra quelli citati dall’accusa e dalla difesa. I primi testi indicati dai pubblici ministeri - i sostituti Giuseppe Noviello e Paolo Sirleo - sono già stati convocati: verranno ascoltati mercoledì prossimo. Il Tribunale ieri si è invece riservato di decidere sull’ammissione come elementi di prova di alcune trascrizioni di intercettazioni telefoniche eseguite nell’ambito di una inchiesta avviata negli anni scorsi dalla Direzione distrettuale antimafia e in cui è coinvolto, per l’ipotesi di corruzione, l'ex vice commissario all’emergenza rifiuti Giulio Facchi. Per l’eventuale accoglimento della richiesta di utilizzare le telefonate i giudici della quinta sezione hanno chiesto di conoscere lo stato attuale dell’indagine condotta dai pm antimafia. Un punto è stato invece incassato dalle difese: i giudici hanno infatti accolto la eccezione formulata dall’avvocato Luigi Tuccillo, che aveva chiesto di considerare inammissibili le dichiarazioni rese dall’ex commissario per l’emergenza rifiuti Antonio Bassolino, dell’ex subcommissario Raffaele Vanoli e da altri soggetti ascoltati dalla commissione parlamentare per l’emergenza rifiuti. Ma torniamo per un momento alla lunghissima lista testi di questo processo. Tenendo conto che la presidenza del Tribunale di Napoli ha previsto una calendarizzazione degli appuntamenti capace di garantire una udienza per settimana (il mercoledì), si possono agevolmente ipotizzare i tempi necessari per l’escussione dei testi. Ebbene, per completare il giro ed ascoltare solo quelli citati dall’accusa, si dovrà attendere l’estate. Probabilmente l’escussione dei testimoni dell’accusa (tra i nomi figurano anche quelli di Guido Bertolaso, dell’ex presidente della commissione Ambiente del Senato, Tommaso Sodano) si completerà non prima di settembre. E solo allora si comincerà con quelli citati dalla difesa.

Powered by PhPeace 2.6.4