a storia La Protezione civile cambia i «gemellaggi» tra le città e le regioni dove (sulla carta) si dovranno recare in treno o autobus gli eventuali sfollati

«Chi vive a Nola va in Val d`Aosta» Dove fuggire se erutta il Vesuvio

Aggiornato il piano, deciderà la Commissione Unificata
La strada statale che dovrà essere utilizzata per l'evacuazione non sarà ultimata prima del 2015
14 dicembre 2013 - Angelo Lomonaco
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

NAPOLI — Per fortuna sul Vesuvio si sta intensificando soltanto l'attività dialettica e non quella eruttiva o sismica. Giovedì c'è stato un convegno a Napoli, nella redazione del periódico II Fiore uomosoliaaie, sul tema «Intervista al Vesuvio: vulcano o montagna?», con Giuseppe Mastrolorenzo dell'Osservatorio Vesuviano. Venerdì 20, invece, si discute di «Zona rossa e sviluppo dell'area vesuviana» nella sala congressi del Santuario di Madonna dell'Arco a Sant'Anastasia, iniziativa organizzata da Vesuvio Hub in collaborazione con il periódico L'Ora Vesuviana e l'associazione SviMeu. E probabilmente la voglia di dibattere è cresciuta anche perché sta per approdare in Conferenza unificata (sede congiunta della Conferenza Stato-Regioni e della Conferenza Stato-Città e autonomie locali) il nuovo piano di emergenza per il rischio Vesuvio. L'aggiornamento, in realtà approntato a inizio anno, richiede il placet della Conferenza perché sono stati rivisti l'elenco dei Comuni in Zona rossa e anche la mappa dei gemellaggi, cioè di Regioni e Province autonome che dovrebbero ospitare i campani evacuati. Mentre si sa da mesi che i Comuni inclusi nella zona di massimo rischio sono passati da 18 a 24, più parte di Napoli, non si conosceva la nuova ripartizione delle destinazioni per i possibili fuggitivi. Compresi i cittadini di Noia che potranno mettersi in salvo in Valle d'Aosta (dove prima andavano i residenti a Ottaviano, dirottati adesso nel Lazio), quelli di Palma Campania destinati a raggiungere il Friuli, mentre da Poggiomarino è prevista l'evacuazione nelle Marche, da San Gennaro Vesuviano in Umbria, da Scafati in Sicilia, da Pomigliano d'Arco nel Veneto e dai quar tieri napoletani esposti al massimo a rischio, doè Barra, Ponticelli e San Giovanni a Teduccio, nel Lazio. Forse per l'inserimento dei nuovi Comuni, forse per altri imperscrutabili motivi, intanto, rispetto alle mappe precedenti cambiano molte destinazioni. Qualche esempio. Da Boscoreale nel 1995, poi nel 2001, successivamente nel 2006, era prevista l'evacuazione in Puglia: ora la meta-salvezza è in Calabria. Da Torre Annunziata, al contrario, finora era previsto che ci si mettesse in salvo in Calabria, ora si dovrà fuggire in Puglia- Gli abitanti di Torre del Greco nel '95 erano destinati in parte in Sicilia e in parte in Sardegna; nel 2001 e nel 2006 solo in Sicilia; con l'aggiomamento 2013 dovranno evacuare verso la Lombardia. Da Somma Vesuviana, invece, nei piani del 1995, del 2001 e del 2006 era previsto lo spostamento in autobus verso l'Abruzzo: per loro la destinazione è oggi la Lombardia. Eppure proprio i sommesi sono stati protagonisti della prima prova di evacuazione alla fine del 1999. Quattordici anni fa. In quell'occasione arrivò a sorpresa anche Franco Barberi, allora sottosegretario alla Protezione civile. L'esperimento coinvolse centocinquanta famiglie, meno di mille persone. che furono trasportate in autobus ad Avezzano. U furono parecchie polemiche, e Barberi rispose agli altri sindaci che era stata scelta Somma Vesuviana perché era «una delle poche cittadine che si era dotata del piano di viabilità, richiesto da tempo». Barberi e il prefetto Romano annunciarono che dal gennaio 2000 sarebbe stata organizzata «una prova-campione al mese». Ben sette anni dopo, a fine ottobre 2006, si tenne quella che Guido Berto- laso, allora a capo della Protezione civile, definì «la più grande simulazione mai entrata in scena finora». L'esercitazione, denominata «Mesimex», interessò i 18 Comuni vesuviani inseriti nella fascia rossa con il trasferimento simulato di tutti gli abitanti dell'area: 550 mila persone. In realtà le persone coinvolte furono circa 2.500, tra cittadini, volontari, forze dell'ordine e personale sanitario. E la prova ruotò principalmente — di nuovo — intomo a Somma Vesuviana e ad Avezzano, in Abruzzo, come meta dei sommesi da sfollare. Qualche altra iniziativa, di dimensioni molto contenute, c'è stata anche in seguito. Ma l'attività m area vulcanica e in Zona rossa è stata prevalentemente dialettica e cartacea. L'evacuazione richiederebbe una grande e meticolosa organizzazione, a cominciare dai piani di viabilità e da un'adeguata segnaletica stradale. Mai vista. Del resto non sembra che le amministrazioni municipali siano partìcolarmente preoccupate di predisporre tutto il necessario in caso di una vera evacuazione e di farlo rapidamente. L'Anas, invece, nello scorso settembre ha approvato il progetto esecutivo relativo alla Statale 268 del Vesuvio, finanziato con fondi europei per 54 milioni grazie alla Regione Campania. L'obiettivo è saldare il grande anello stradale intomo al Vesuvio, che con lo svincolo di Angri unisce la statale all'autostrada, opera fondamentale per il piano Vesuvio. I lavori saranno completati entro il 2015. Nel frattempo, nei prossimi giorni, la Conferenza Unificata distribuirà i fondi per l'accoglienza dei vesuviani sfollati.

Powered by PhPeace 2.6.4