Complicato il sistema di divisione degli sgravi: si rischia una guerra tra poveri

Sconto Tares, l`ira dei commercianti: briciole

Braccio di ferro con il Comune: non basta il milione messo in campo, pronte nuove proteste
3 dicembre 2013 - Valerio Iuliano
Fonte: Il Mattino

Un incontro interlocutorio, ma non troppo. n vertice di ieri mattina sulla Tares a Palazzo San Giacomo non ha dato ancora un esito definitivo e il risultato finale si conoscerà tra sette giorni. Ma una cosa sembra già certa: più di un milione di euro, per aiutare gli esercenti, non si può trovare. Tra i partecipanti al tavolo, il vicesindaco Sodano da una parte, e i rappresentanti di Confcommercio, Confesercenti, Federalberghi e Aicast dall'altra. L'amministrazione inizia a intravedere i primi spiragli per una soluzione alle pro teste dei commercianti. Ma le prime risposte abbozzate dagli esponenti della giunta sembrano, finora, non del tutto gradite alle categorie più colpite dalle imposte sui rifiuti. Un milione di euro a favore di alcuni esercenti particolarmente vessati è stata la prima carta gettata sul tavolo dal vicesindaco Tommaso Sodano. Un effetto della manovra di assestamento di bilancio varata quattro giorni fa dall'assessore al ramo Salvatore Palma. Ma l'asso calato dal Comune ha destato lo scetticismo delle associazioni. «Ci sembra troppo poco», è stata la risposta polemica di Confcommercio. «Siamo un ente in predissesto e perciò di più non possiamo fare», la ferma replica di Sodano. Non è solo l'entità delle risorse stanziate dal Comune ad accendere la disputa. Sodano e Palma sono fermamente intenzionati a spalmare il budget m modo rigoroso, attraverso l'applicazione di complicate tabelle che tengano conto delle proporzioni degli aumenti per ciascuna categoria. In sintesi: se i ristoratori dimostreranno - come sembra peraltro già certo - che le loro cartelle Tares sono superiori del doppio o del triplo a quelle dello scorso anno, una consistente fetta delle risorse toccherà a loro. Ma una solu zione di questo tipo potrebbe comunque scontentare altre categorie e, per questo, l'amministrazione si sta muovendo con la massima cautela. I calcoli sugli incrementi sono m corso e il finale di partita è fissato per la prossima settimana. La proposta più innovativa per dirimere la controversia è arrivata dall'Aicast [Associazione Industria commercio artìgianato servizio turismo): «A causa dell'introduzione delle nuove tariffe - ha spiegato il presidente Felice Califano - ci sono categorie come le banche che si trovano a pagare il 65% in meno rispetto al 2012. Sconti consistenti riguardano anche altri esercizi che producono beni non di prima necessità, dalle autorimesse agli autosaloni, fino agli impianti sportivi. Se per tutte queste attività fossero applicate le tariffe dello scorso anno, l'amministrazione otterrebbe un consistente gettito da destinare ai più svantaggiati. Il vicesindaco ha detto che l'amministrazione ci penserà». Questa soluzione trova, però, un ostacolo evidenziato dall'assessore Palma: «Per attuarla, occorre una legge nazionale. Noi non possiamo intervenire sulla cornice normativa». Tra le questioni dibattute nel vertice, anche quella sollevata da Federalberghi Napoli, relativa alla revisione delle tariffe delle strutture sprovviste di bar e ristorante, attualmente equiparate alle altre. Dall'amministrazione è arrivata una cauta apertura. Ma il presidente Salvatore Naidi si dice soddisfatto solo a metà: «Stiamo sviluppando una concertazione tra pubblico e privato. Abbiamo indicato tutte le problematiche del settore e proposto eventuali soluzioni. Ad esempio le esenzioni previste sono poche e prevedono sgravi inconsistenti. Bisognerebbe invogliare gli imprenditori virtuosi a fare investimenti perii compostaggio premiandoli con sconti adeguati per ammortizzare i costi». Intanto, l'amministrazione ha ufficializzato con una deliberala proroga di un mese della seconda, terza e quarta rata Tares. Come già previsto e annunciato, le scadenze sono fissate rispettivamente per il 31 gennaio, il 31 marzo e il 31 maggio 2014.

Powered by PhPeace 2.6.4