Via dall`Asìa, niente risarcimento per Raphael Rossi

7 novembre 2013 - lu.ro.
Fonte: Il Mattino
Non ha diritto ad alcun risarcimento, così il giudice del lavoro ha conciliato e detto no alle richieste di Raphael Rossi ex amministratore delegato di Asia. La sua defenestrazione, oltre che polemiche politiche, ha avuto uno strascico giudiziario. L'ex amministratore dell'azienda perl'igiene urbana ritenne da subito quella decisione della giunta arancione sbagliata. E ha chiesto un risarcimento intomo agli 80mila euro. Che gli è stato negato. Rossi, tornato in città martedì dopo un anno e mezzo, dunque, non lo ha fatto solo per presentare il suo libro dal titolo emblematico: «C'è chi dice no». Un titolo che lo stesso autore ha spiegato così: «Perché ¡o ho detto no ma intorno a questo no abbiamo costruito un noi, fatto di persone che condividono le stesse idee». Un libro dove non è mancato il riferimento al suo mandato napoletano con un accebto polemico non da poco: «Qui a Napoli in sei mesi siamo riusciti ad aumentare la differenziata del 10 per cento poi qualcosa è accaduto, una frattura che io ancora non ho compreso. In questo momento in Campania c'è una situazione molto complessa sul versante dei rifiuti». Quindi l'affondo: «Stadi fatto che poco dopo la revoca del mio mandato sono state assunte 350 persone in Asia. Forse i miei no sono stati troppi, ora però la Corte dei conti chiede di sapere perché sono state fatte quelle assunzioni, e qualcuno ne dovrà rispondere». 
Powered by PhPeace 2.6.4