Intervista a Raffaele Del Giudice. Del Giudice: Una squadra che funziona

28 settembre 2013 - F.B.
Fonte: Il Denaro

PROFONDO CONOSCITORE dei Problemi ambientali grazie all'esperienza maturata anche e soprattutto in qualità di direttore di Legambifnte Campania, Raffaele del Giudice è uno dei protagonisti della ripresa di Napoli sul fronte dei rifiuti, prima come membro del Consiglio di amministrazione ñ da circa due anni quale presidente di Asia Napoli SpA.
Che bilancio può tracciare dopo quasi due anni di sua presidenza? Quando lo scorso anno sottolineavo l'importanza di aver trovato in Asia una squadra con competenza e abnegazione al lavoro di livello altissimo, raccontavo quella che era stata per me una graditissima sorpresa. Oggi posso affermare che quella sorpresa rapprc.scnra la forza indiscussa su cui io stesso, come presidente, confido quotidianamente. Il confronto costante e si spera sempre efficace, con le enormi difficoltà che si affrontano nella gestione operativa di una grande, bellissima, ma complicatissima città come Napoli, non può prescindere dall'enorme esperienza e dall'infinita elasticità operativa dimostrata, ogni giorno, dagli uomini e dalle donne di Asia Napoli. Se è vero che nell'ultimo anno la città e apparsa finalmente fuori dalla storica emergenza rifiuti, non dobbiamo sottovalutare quanto si attendano, ancora, concreti passi in avanti nel sistema di gestione provinciale e regionale del ciclo integrato per lo smaltimento dei rifiuti. E allora il ringraziamento alla sinergia istituzionale ed a tutti i lavoratori diventa un atto dovuto.
Possiamo parlare di un'Azienda pronta al di là dei generali li miti impiantistici? Asia continua, senza se e senza ma, a lavorare per garantirsi una programmazione da perseguire come obicttivo prioritario e con uno sforzo enorme per progettare la normalità a garanzia di una efficienza operativa percepibile da tutti i cittadini. E credo che nonostante tutte le difficoltà della crisi economica, i risultati siano evidenti.
Ricordando le condizioni igienico sanitarie della città di un paio d'anni fa, quello che ci dice ci sembra assolutamente giusto: ma allora che cosa manca per ottenere un definitivo salto di qualità? Se è vero che resta urgente dotare il sistema regionale di smaltimento e riciclo, di impianti per il compostaggio - basti ricordare che il 35 per cento e più della produzione cittadina è frazione umida compostabile — è altrettanto vero che bisogna assolutamente superare la gravissima crisi economica e finanziaria che ostacola nuovi e strategici investimenti di cui Asia non può prescindere per il futuro e non possiamo evitare di sottolineare quanto indispensabile sia la collaborazione di tutti i cittadini. Tutti noi che viviamo la città, dobbiamo comprendere il necessario impegno per valorizzare il senso civico e la cura e la salvaguardia dei luoghi comuni. In quest'ultimo anno deciso è stato sforzo che il Comune di Napoli, il Consiglio comunale, la Giunta e il sindaco hanno profuso per irrobustire sempre di più la sinergia con Asia per un "Progetto Città' finalizzato a valorizzare grande patrimonio di Napoli: associazioni, comitati, scuole e cittadini tutti, accanto all'Amministrazione comunale e ad Asia per debellare, una volta per tutte, il triste fenomeno degli scarichi abusivi a cielo aperto, il mancato rispetto degli orari di deposito, l'abbandono fuori ai cassonetti o fuori alle campane della difterenziara. La collaborazione di tutti resta indispensabile al raggiungimento degli obicttivi di raccolta difterenziata ed al generale miglioramento delle condizioni igienico sanitarie della Città.
Quanto Asia è pronta a sostenere la giusta collaborazione dei cittadini? Asia persegue una mission chiara ed inequivocabile: sviluppare le raccolte dißerenziate e portare Napoli nel öãèððî delle città europee più virtuose nella gestione dei materiali recuperabili e riciclabili. Ottenere questo risultato significa favorire al massimo la collaborazione dei cittadini che hanno ['impegno fondamentale di gestire il rifiuto domestico prodotto, secondo regole chiare e perseguibili. Durante quest'anno abbiamo profuso un grande sforzo nel potenziare la raccolta differenziata in tutta la città tramite il sistema "stradale a campana". E' staro compiuto un deciso sforzo di comunicazione per ricordare a tutti quanto importante sia il conferimento degli imballaggi all'interno delle campane. Si separa in casa, si raggiungono i contenitori in strada — o si utilizzano i bidoncini condominiali nel caso dei quartieri già raggiunti dal "porca a porta" — e si inseriscono gli imballaggi all'interno delle campane. Questo terzo passaggio è indispensabile per non inficiare il tutto perché quanto lasciato a terra, seppur adeguatamente selezionato in casa, per legge è da raccogliere come rifiuto residuo non riciclabile. Altro importante sforzo di comunicazione Asia lo dedica ai commercianti. Piegare e depositare i cartoni nel luogo e nei tempi giusti, non solo favorisce il riciclo di una frazione pregiata come il materiale cellulosico, ma impedisce il sorgere di micro-discariche a ciclo aperto. Troppo spesso e proprio dove si abbandonano indiscriminatamente i cartoni commerciali, che si aggiungono scarichi di altri rifiuti eterogenei domestici e non. E' come se si identificasse quel punto come un sito dove poter buttare di tutto. Infine è da ricordare il grande impegno dell'Amministrazione comunale e di Asia nel rendere funzionanti sempre più isole ecologiche in città. Aprire in un anno altri due Centri comunali di raccolta (in via Labriola a Bagnoli e in via Cupa Capodichino a Miano), con il riammodernamento e la definitiva piena agibilità dell'Isola ecologica n Viale della Maddalena - in una Napoli costruita storicamente con piani regolatori senza dedicare spazi ai Centri di raccolta -, è un risultato eccellente. Di fatto aumentiamo la disponibilità di spazi attrezzati utili alla collaborazione dei cittadini che possono avvalersi di -servizi dedicati completamente gratuiti.
Possiamo confermare che a Napoli avremo sempre più raccolta differenziata? Comune ed Asia puntano ad lino sviluppo graduale, ma costante, verso l'implementazione dei servizi "porta a porta" e non solo. L'impegno resta fissato e deciso, nonostante i condizionamenti della grave crisi economica e la necessità di impianti per la valorizzazione dei mate riali riciclabili al fine di ridurre al minimo i costi di trasporto. Comune di Napoli ed Asia vogliono raggiungere percentuali di riciclo importantissime già entro la prossima estate.

Powered by PhPeace 2.6.4