«Differenziata e impianti, dal sindaco ritardi inaccettabili»

Lettieri: inceneritore necessario irresponsabile bloccare i lavori Napoli pulita? È solo una favola
14 luglio 2013 - Gianni Lettieri (capo dell'opposizione in Consiglio comunale e presidente di Fare Città )
Fonte: Il Mattino

Ho letto con attenzione ed interesse la puntuale riflessione di Antonio Galdo sulla questione rifiuti in città e la replica dell'ad di Asia, Daniele Fortini, persona competente e capace, costretta ad operare m un conte sto molto critico derivante, in primis, dall'inerzia ed inconcludenza amministrativa di de Magistris e Sodano. Restano, però, sul tavolo una serie di interrogativi irrisolti. È del tutto evidente che, ad oltre due anni dal suo insediamento, la giunta De Magistris non è stata assolutamente in grado di elaborare, proporre ed attuare un piano organico e concreto capace di rendere efficiente il ciclo rifiuti. D'altra parte non dimentichiamo che proprio il delegato all'ambiente, Sodano, è stato a suo tempo uno degli artefice del piano rifiuti che ha portato al disastro Napoli eia Campania.
Oltre alla percentuale ancora inaccettabilmente bassa di differenziata, la nostra problematica principale è relativa, come giustamente evidenzia anche Galdo, al deficit dell'impiantistica. Bloccata finora per motivi finto-ideologici la realizzazione di un nuovo termovalorizzatore - che rappresenta la soluzione centrale ed imprescindibile all'efficientamento del ciclo - si continuano ad inviare i rifiuti all'estero - soluzione da me individuata e che avrebbe funzionato solo se fosse stata applicata il tempo necessario per la realizzazione dell'impiantìstica, e che de Magistris, invece, dopo averla avversata fortemente, ha poi reso strutturale e, dunque inefficace - a prezzi esorbitanti, portando ricchezza e risorse fuori dalla città e impoverendo Napoli e i Napoletani.
È mai possibile che una città civile come Copenaghen inauguri in pieno centro un termovalorizzatore inglobato m una collinetta con intomo piste da sci e attività ludiche e noi ancora discutiamo sulla realizzazione? È mai possibile che la Comunità europea ci chiede pressantemente di realizzare il termovalorizzatore e qui ancora si cincischia? Con le moderne tecnologie si effettua un controllo telematico sulle emissioni quasi zero dei moderni impianti. I termovalorizzatori, infatti, sono collegati telemáticamente con gli organi di controllo che ne seguono il corretto funzionamento. Non mi spiego, inoltre, come mai finora si continui a differire l'inaugurazione di impiantistica alternativa.
Viene da chiedersi, al netto di tutte queste considerazioni: se non ci fosse il tanto vituperato termovalorizzatore di Acen-a, sul quale de Magistris e tutta la sinistra estrema e massimalista hanno detto tutto il male possibile, in che situazione ci troveremmo? È sconcertante che nella nostra città da studi risulti un vertiginoso incremento delle malattie tumorali in assenza degli impianti; al contrario in città che hanno il termovalorizzatore, come Vienna, Barcellona, Copenaghen, Parigi ed altre ancora non si rileva lo stesso inquietante fenomeno.
Stiamo assistendo, poi, in questi giorni a scoperte tremende relative a sversamenti di rifiuti inquinanti nelle nostre campagne. Purtroppo non si tratta di fatti nuovi, ed è proprio per questi motivi che fu predisposto un piano di bonifiche con fondi europei, che vennero bloccati dall'allora eurodeputato de Magistris. È proprio questo comportamento irresponsabile dell'ex pm il migliore alleato di chi non vuole risolvere il problema dei rifiuti a Napoli e vuole continuare con lo spreco di enormi risorse pubbliche.
Dall'impiantistica passiamo alla gestione: Asia va responsabilizzata e messa in condizione di operare in maniera funzionale pertenere pulita la città. Ad Asia, inoltre, va affida ta la costruzione e la gestione del termovalorizzatore, così da abbassare ulteriormente i costi a beneficio dei napoletani. E dovrebbe essere lo stesso Fortini a pressare Comune, Provinica e Regione affinchè questo avvenga. Se non si interviene subito, non riusciremo mai a superare l'emergenza in maniera definitiva. Anche la favola della città pulita, che alcuni irresponsabilmente vanno raccontando senza avere alcuna cognizione dello stato in cui versano intere aree del nostro territorio: ci sono quartieri che convivono quotidianamente con i rifiuti in strada. Insomma, ci avevano raccontato che avrebbero portato la differenziata al 70% in sei mesi, che avrebbero pulito la città in 5 giorni, che non avrebbero mai inviato i rifiuti all'estero, che avrebbero realizzato un'impiantistica alternativa, che la tassa sarebbe diminuita... nulla, e sottolineo nulla, di tutto questo è stato realizzato. La strada per trasformare i rifiuti in risorsa è purtroppo ancora lunga. Se, intanto però, con grande senso di responsabilità si operasse per normalizzare un'emergenza vergognosa che dura da troppo, già saremmo ad una grande conquista.

Powered by PhPeace 2.6.4