AMBIENTE L' OSPEDALE SVERSAVA RIFIUTI SPECIALI INSIEME ALL' INDIFFERENZIATA , I VIGILI URBANI DENUNCIANO IL DIRETTORE SANITARIO

Rifiuti, multato il Santobono

1 maggio 2013 - Michele Paoletti
Fonte: Giornale di Napoli

Rifiuti speciali del Santobono trovati nei cassoneti dell'indifferenziata. La Polizia ambientale del Comune di Napoli ha denunciato il direttore sanitario dell'ospedale pediatrico. Al Santobono, così come già si era verificato al Monaldi, sono state riscontrate nuove gravi irregolarità, con rifiuti solidi urbani mischiati a quelli speciali derivanti da scarti sanitari, siringhe, flebo oltre a tessuti ed assorbenti. La grave anomalia è stata segnalata da Asia al reparto deUa Polizia ambientale diretto dal Tenente Enrico Del Gaudio, prontamente intervenuto rilevando, anche fotograficamente, l'infrazione. Si è poi conclusa à attività di controllo e di repressione degli sversamenti abusivi in Via Murate dove, grazie alla collaborazione di Asia, sono state individuate sei ditte responsabili dello sversamento abusivo di rifiuti speciali. Via vicinale Murate (nella zona di Agnano ) rappresenta un sito continuamente deturpato da gesti criminali ai danni del territorio, dell' ambiente ma anche delle finanze comunali. Qui, infatti, Asia ha effettuato per l'ennesima volta una imponente operazione di bonifica, con costi aggiuntivi in termini di impiego di risorse, di mezzi ed uomini. Un aggravio di spesa che ovviamente ricade su tutti i cittadini che invece rispettano orari e metodi di sversamento dei rifiuti. Un dettaglio significativo rilevato ieri riguarda un malcostume che ancora persiste in una parte della cittadinanza, che continua a non rispettare le regole a volte vanificando gli sforzi messi in campo dall'Amministrazione comunale e le buone pratiche di gran parte della cittadinanza. Proprio mentre si stava eseguendo la bonifica un abitudinario della zona e dello sversamento ha iniziato a gettare i rifiuti derivanti dalla sua attività di rivendita e riparazione tende e infissi prelevandoli dal furgone aziendale e gettandoli al suolo che era stato appena ripulito. Prontamente fermato e sanzionato, anche penalmente, il personaggio in questione è stato obbligato immediatamente a rimuovere i rifiuti speciali e a smaltirli in maniera regolare. Oltre alla denuncia si è provveduto al sequestro del furgone, per l'eventuale futura confisca. «È inammissibile - ha commentato il vicesindaco Sodano - che anche strutture pubbliche si macchino di sversamenti illegali e pericolosi per la salute comune. È veramente odioso il comportamento di chi, in dispregio del convivere civile e della legge, getta sotto casa altrui o sulla pubblica via gli scarti e i rifiuti della propria attività. Saremo inflessibili nel perseguire questi comportamenti che rischiano di svilire l'opera meritoria del Comune e di Asia, oltre a danneggiare l'intera cittadinanza sotto ogni profilo».

Powered by PhPeace 2.6.4