Campania Infelix La relazione accolta ad Aversa da urla e proteste

È scontro col ministro sul record dei tumori Balduzzi: «È colpa anche dell`obesità»
9 gennaio 2013 - Angelo Agrippa
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

AVERSA - Il rapporto presentato ad Aversa dal ministro della salute, Renato Balduzzi, e dai  ricercatori del ministero e dell`Istituto superiore della sanità sull`incidenza dei tumori tra le province di Napoli e Caserta dovuta allo smaltimento irregolare dei rifiuti non giunge a un esito dirimente della questione, ma impone, proprio per questo, di non mollare e di fare ulteriori passi in avanti. Lo ha detto lo stesso Balduzzi, esortando la Regione Campania a costruire un coordinamento operativo sul versante della lotta ai tumori e alle possibili cause riconducibili alle emergenze ambientali del territorio. «Negli anni sono state impiegate considerevoli risorse finanziarie, ma io ora chiedo che si faccia un salto di qualità, che si cambi marcia, che diventi a questo punto imprescindibile - ha sottolineato il ministro - un coordinamento operativo con le istitituzioni locali, a cominciare dalla Regione, perché si giunga a un quadro epidemiológico condiviso, data l`alta percezione di rischio che riscontro nella popolazione. In Campania - ha poi proseguito - va migliorata l`organizzazione del servizio e il percorso di accesso alle cure per la popolazione. E credo che la Regione ne sia consapevole. Da parte del ministero ci sarà l`aiuto adeguato per andare in questa direzione con un`azione sinergica, e possiamo attingere al miliardo e quattrocento milioni del fondo di riparto della sanità 2013 finalizzato agli obiettivi prioritari. Occorrono uno sforzo massiccio sulla prevenzione e più puntuali screening oncologici. Insomma, una risposta sanitaria più semplice e accessibile, grazie a una task force che faccia definitiva chiarezza sul problema». Per il ministro della salute è necessario, alla luce di quanto è emerso dalla ricerca, «un progetto sanitario per l`Agro Aversano in grado di promuovere la salute, la prevenzione e la bonifica ambientale. Ristabilendo anche la legalità. Comincia oggi un percorso - ha chiarito - e lo studio che abbiamo presentato è a disposizione di tutti, medici per l`Ambiente e associazioni, e nei prossimi quindici giorni chi vorrà confrontarsi con i dati ne avrà la possibilità. Dopodiché, dobbia mo fare veloci passi avanti». Al momento, ha più volte ribadito il rappresentante del governo Monti tra le proteste dei cittadini e degli animatori delle associazioni ambientaliste del territorio, «non risulta un nesso causale accertato tra la presenza e lo sversamento di rifiuti e l`alto tasso di tumori che nelle province di Caserta e Napoli rende l`attesa di vita minore di due anni rispetto al resto del territorio. Comunque - ha quindi specificato - non si possono escludere potenziali implicazioni sulla salute legate all`at- tività di smaltimento». E alle proteste che hanno accompagnato la sua visita ad Aversa, Balduzzi ha replicato: «Sono venuto qui per dare una mano, ma ci sono anche altri modi per risolvere i problemi invece delle urla e delle proteste. Capisco la disperazione. Io tra 15 giorni sarò di nuovo qui per continuare il lavoro». Il rapporto sulla mortalità per cause oncologiche, alla fine, riprende le ricerche degli anni passati, senza esibire alcuna novità di rilievo sia sul versante dei riscontri scientifici che su quello delle ipotesi di stu dio. La sopravvivenza, nelle aree prese m considerazione, è inferiore del 3 per cento rispetto al centro nord. Nella parte settentrionale della provincia di Napoli e m quella meridionale della provincia di Caserta si registrano «eccessi di prevalenza alla nascita di malformazioni congenite». I tumori del polmone, sebbene in calo, hanno un`incidenza «più elevata della media nazionale». Ma sotto accusa - ha infine ricordato il ministro della salute - «sono so- Ha detto il ministro «L`alto tasso di tumori a Caserta e Napoli rende l`attesa di vita minore di due anni». Il ministero valuta una sopravvivenza inferiore del 3% ed eccessi di malformazioni congenite prattutto gli stili di vita, a cominciare dall`obesità che da queste parti registra dati allarmanti».

Powered by PhPeace 2.6.4