«Sapna, Sos alla commissione ecomafie»

L`attacco Guidotti: la Partecipata era tenuta ad assumere solo operai provenienti dagli Stir»
7 agosto 2012
Fonte: Il Mattino

«Siamo in grado di dimostrare e documentare l`illecito perpetrato dalla Sapna circa il mancato passaggio di cantiere del personale dal Cub articolazione terrotoriale Napoli che dal 1 agosto 2010 lavora di fatto per l`azienda»: il segretario della Filas, Domenico Merolla, ha chiesto di essere ascoltato dalla commissione ecomafie e ha diffuso un documento nel quale critica duramente l`amministatore della partecipata della Provincia, Enrico Angelone. Il responsabile della Sapna nei giorni scorsi aveva denunciato che 197 dipendenti del Cub lavorano senza uno straccio di contratto presso l`azienda. Una situazione assurda nata consumatasi, però, ben prima del suo ingresso nella società avvenuto solo un mese fa.
Critico nei confronti della Sapna anche il sindacato Azzurro: il portavoce Vincenzo Guidotti sostiene chelapartecipata era tenuta «ad assumer solo il personale di pro venienza dagli ex Stir e non quello di provenienza dai sub appalti di Asia ovvero i dipendenti di società raggiunte da interdittiva antimafia tra le quali figura la Ibi».
Tutti i rappresentanti dei lavoratori concordano sulla necessità di far decollare il piano industriale della Sapna che dovrebbe, però, basarsi su quello della Provincia che non è mai partito: non è stato realizzato nessun impianto. Ne una discarica, ne un sito di compostaggio. Dei digestori anaerobici programmati dal piano regionale si sono perse le tracce. Intanto i rifiuti continuano a essere spediti in mezz`Italia spendendo anche più di duecento euro a tonnellata e in Olanda dove fortunatamente i costi sono quasi dimezzati.

Powered by PhPeace 2.6.4