GIANTURCO

Via Brecce, dopo la bonifica tornano i rifiuti

L`ALLARME DELLA IV MUNICIPALITÀ: IL COMUNE DEVE INSTALLARE LE TELECAMERE
29 luglio 2012 - Andrea Acampa
Fonte: Giornale di Napoli

Dopo la bonifica dell`Asia ritornano di nuovo i cumuli. Sversamenti abusivi e tonnellate di rifiuti invadono nuovamente via Brecce a Sant`Erasmo. Tré giorni di interventi straordinario per rimuovere oltre 28 tonnellate di rifiuti sversati in maniera illecita. Nelle 3 mattinate tra il 8 e il 10 maggio sono stati coinvolti, in condizioni difficili, 6 operatori e 4 automezzi di media e grossa portata dell`Asia, per rimuovere i cumuli, che corrispondono a una vera e propria discarica. Si trattava prevalentemente di rifiuti da lavorazioni edili (inerti), rifiuti ingombranti (materassi, grandi elettrodomestici, mobili) e cartoni abbandonati tra i rifiuti indifferenziati. Inoltre sempre in via Brecce a Sant`Erasmo, è stata effettuata la caratterizzazione (raccolta informazioni per scoprire l`origine del rifiuto) di un ulteriore cumulo di rifiuti speciali abbandonati. Il cumulo sarà rimosso non appena saranno comunicati dal laboratorio specializzato i risultati dell`analisi che permetteranno di risalire a coloro che hanno sversato.
La disponibilità di uomini e mezzi ha finalmente reso possibile l`organizzazione di questo intervento straordinario. Il costo complessivo dell`operazione è stato di circa Smila euro, costo che graverà ulteriormente sui conti dei cittadini napoletani. Occorre infatti sottolineare che ogni intervento straordinario da parte dell`Asia, è sempre un costo coperto dalle tasse dei cittadini. Allora l`Asia lanciò un appello: «È necessaria una sempre maggiore collaborazione dei cittadini per valorizzare il senso civico ed eliminare così comportamenti illeciti come gli scarichi abusivi compiuti da cittadini che non amano la propria città e che richiedono costosi interventi straor dinari di raccolta». Una richiesta che verrà ripetuta a scadenze regolari proprio per far sì che i cittadini acquisiscano una consapevolezza diversa rispetto all`ambiente che vuole dire preservare il territorio dove si vive ma anche pagare meno tasse. Eppure, a distanza di due mesi la situazione è tornata la stessa di prima, anzi è peggiorata. I cumuli invadono ugualmente la strada e sono ripartiti gli sversamenti abusivi. «L`Asia - tuona il presidente della IV Municipalità - non funziona. Siamo in attesa di interventi di bonifica, dopo giorni di mancata pulizia o raccolta; quando questi vengono compiuti, la situazione torna rapidamente allo stato precedente. Colpa di incivili, professionisti dello sversamento abusivo - commenta ancora su Facebook Coppola - tutte ragioni plausibili, che non attenuano le responsabilità di un`amministrazione centrale alla quale abbiamo richiesto telecamere per sorvegliare le strade e impedire che si ripeta il continuo e inarrestabile scempio del nostro territorio». Una richiesta che come ha più volte sottolineato Coppola è caduta nel vuoto più volte.

Powered by PhPeace 2.6.4