La Terra dei fuochi Lo studio La ricerca dell`Istituto Pascale evidenzia il rapporto tra roghi e malattia

Tumori, Clini e Balduzzi: «In campo la task force anti-veleni»

I due ministri nominano un nuovo pool coordinato dal direttore della Prevenzione
26 luglio 2012
Fonte: Il Mattino

Un gruppo di lavoro verificherà la situazione dei tumori nelle province di Napoli e Caserta. La decisione è stata presa dal ministro della Salute Renato Balduzzi di concerto con il collega dell`Ambiente Corrado Clini dopo la diffusione delle notizie che hanno anticipato i risultati di un`indagine condotta da un ricercatore dell`Istituto Pascale di Napoli, secondo cui si sarebbero verificati un incremento delle morti per malattie oncologico nelle due provincie causate dai fattori ambientali.
Il gruppo di lavoro, si legge in una nota congiunta dei due ministeri, dovrà «approfondire la situazione evidenziata dallaricerca». Il coordinamento è stato affidato a Giuseppe Ruocco, direttore generale della prevenzione al ministro della Salute, il quale assicurerà il raccordo con analoghe attività di verifica disposte dal ministro dell`Ambiente. Del gruppo di lavoro fanno parte tecnici ed esperti del ministero della Salute e dell`Istituto superiore di Sanità, oltre che un ufficiale dei Carabinieri per la tutela della salute (Nas). I componenti del gruppo di lavoro, che non riceveranno alcun compenso o indennità, dovranno entro il 28 settembre 2012 presentare al ministro Balduzzi una relazione sulla situazione epidemiológica nella regione Campania, in particolare nelle provincie di Napoli (città esclusa) e Caserta. Il ministro nel decreto ravvisa la necessità di comparare i dati della ricerca condotta dall`Istituto Pascale con quelli di altri centri di ricerca in modo da verificare se l`incidenza della mortalità per tumore dipenda da fattori ambientali.
Il ministero dell`Ambiente ha già acquisito, attraverso i carabinieri per la tutela dell`Ambiente (Noe) lo studio del ricercatore del Pascale e nei prossimi giorni darà inizio ad una campagna di controllo su tutti i siti di produzione, stoccaggio, trattamento di quelle tipologie di rifiuti speciali che storicamente hanno trovato nell`incenerimento una forma di smaltimento illecita e acosto zero. Si tratta, ovviamente, di discariche abusive realizzate con la complicità dei cittadini che spesso sversano impunemente lungo le strade; ma anche di siti dove la camorra ha per anni portato veleni provenienti da ogni parte d`Italia e smaltiti senza alcun costo, tranne poi fare i conti con un cancro.

Powered by PhPeace 2.6.4