L`emergenza, la svolta Via libera al trasferimento dell`immondizia non trattata. Si allontana il rischio caos

Aliarme rifiuti, ok ai viaggi del «tal quale»

Il Comune raggiunge l`accordo con le imprese olandesi Entro l`estate scatta il piano
8 luglio 2012 - Gerardo Ausiello
Fonte: Il Mattino

Anche il tal quale potrà essere trasportato in Olanda via mare. È arrivato in queste ore il nulla osta che il Comune di Napoli attendeva damesi: nelle prossime settimane, forse prima della fine dell`estate, i rifiuti non trattati saranno caricati sulle navi per essere smaltiti all`estero. Restano solo da affrontare e risolvere alcuni nodi tecnici: bisognerà predisporre gli appositi sacconi da 1,5 tonnellate che per legge devono contenere il tal quale (mentre per la frazione secca si usano le balle) e definire le modalità di trasporto, oltre naturalmente ai costi. Ma aPalazzo San Giacomo, sotto la spinta del vicesindaco Tommaso Sodano, è già iniziata la corsa contro il tempo: domani è in programma un vertice con la Sapna e gli esperti delle amministrazioni di Comune e Provincia per fare il punto della situazione e stabilire un cronoprogramma. Al di là dei tempi, si fratta di un passo in avanti: se la giunta de Magistris riuscirà a far partire regolarmente le navi con a bordo il tal quale, il fragile sistema di smaltimento campano potrà tirare un sospiro di sollievo. La strada resta tuttavia in salita perché ancora troppe incertezze si registrano sul destino del termovalorizzatorè e sull`apertura di nuove discariche.
La svolta arriva proprio mentre Provincia e Comune stanno lavorando per superare lo stop tecnico che ha impedito il trasporto in Olanda di un carico di frazione secca. «Un incidente di percorso», fanno sapere da Palazzo Matteotti: dopo un tira e molla durato quasi un mese l`assemblea della Sapna ha infatti nominato amministratore unico Enrico Angelone, cassazionista56enne, che è già all`opera per ripristinare il filo diretto con Rotterdam. Per ³1 momento, comunque, non si rischia alcuna emergenza: gli Stir sono liberi e regolarmente in funzione. Le incognite maggiori riguardano invece la differenziata: i fondi trasferiti dal ministero dell`Ambiente alla Regione non possono essere utilizzati a causa dei vincoli del patto di stabilità. Di conseguenza il Comune non può far partire i bandi per l`ampliamento del porta a porta in altri quartieri di Napoli. Da qui l`appello del vicesindaco, pronto ad incatenarsi davanti Palazzo Chigi per sensibilizzare il governo Monti: «Senza risorse è impossibile rilanciare la raccolta e centrare gli obiettivi necessari - tuona Sodano - Questo problema riguarda anche tante altre amministrazioni campane che vorrebbero puntare sulla differenziata ma non hanno abbastanza fondi per farlo. Bisogna correre subito ai ripari prevedendo deroghe ai tetti di spesa aggiunge - È una battaglia cruciale che ci vede in prima linea».

Powered by PhPeace 2.6.4