Rifiuti, nuova delibera: sanzioni a chi avvelena

27 giugno 2012 - Ettore Mautone
Fonte: Denaro

RIFIUTI, l`allarme sul rischio di nuove sanzioni dell`Ue per l`Italia (che ricadrebbero sulle casse della Campania per 516 mila euro al giorno) non vanno sottovalutate.
A mettersi in moto è anche la giunta di Palazzo San Giacomo finita nel mirino per l`insufficiente incisività sul fronte dell`impianrisitica di base, della differenziata e dei controlli. Il dato di fatto è che le minidiscariche, nelle periferie e talvolta in città, proliferano a ritmo continuo nonostante le periodiche ripuliture a peso d`oro dell`Asia.
Tant`è oggi, alle ore 13 in sala Giunta, l`amministrazione presenta i dati relativi alle sanzioni finora emesse per sversamenti illeciti in collaborazione fra Polizia ambientale e Asia. Sotto la lente anche una nuova delibera che prova a dare l`ennesimo giro di vite. A illustrare il nuovo programma anche il vicesindaco Tommaso Sodano, il presidente di Asia Raffaele Del giudice e il tenente della Polizia ambientale Colimoro.
Il grande assente è però la prevenzione che passa inevitabilmente per la videosorveglianza.. Se in alcuni casi, infatti, l`azione dell`amministrazione di Palazzo San Giacomo ha avuto effetti visibili (a Chiaiano tra il limitone di Arzano e via Toscanella gli avvisi e le diffide per ora funzionano) lo stesso non può dirsi per via Soffritto ai Camaldoli, per l`asse Mediano, la rampa per del Mare e molte altre strade di popolosi quartieri come Seccavo e Fuorigrotta dove i cumuli di ogni genere pounteggiano le zone periferiche. Da sottolineare la com parsa, negli ultimi giorni, di spazzini armati di ramazza con una dimenticata quanto efficace pratica manuale di pulitura delle strade. Il Parlamento europeo intanto avvia la procedura di messa in mora per l`emergenza rifiuti del 2008 in Campania. Ora spetta alla Commissione Uè decidere "Non ci nascondiamo che la situazione è difficile - afferma il governatore Stefano Caldoro - non entro nel merito perché il lavoro che stiamo facendo è duro, ci sono difficoltà nell`ambito delle scelte dei Comuni ai quali non possiamo sostituirci". L`impiantistica primaria compete ibfatti alle amministrazioni comunali che devono definire le aree disponibili per gli impianti primati e secondari. Comuni che non sempre hanno le idee chiare. Sulle sanzioni si segna Ercolano che arriva a sanzioni fino a mille euro per chi non osserva orari e modalità del conferimento dei rifiuti: è quanto prevede un`ordinanza firmata dal sindaco, Vincenzo Strazzullo.
Il fenomeno degli abbandoni illeciti spesso è la punta dell`iceberg che salda inciviltà spicciola a illegalità diffusa e interessai mafiosi, la tolleranza zero è l`unica arma che tra l`altro a fronte di piccoli investimenti darebbe risparmi nell`ordine di centinaia di milioni.

Powered by PhPeace 2.6.4