Il centro coordinamento sarà al Pascale

Registro tumori, è legge La Regione lo approva dribblando gli ostacoli Pd

ESClUSI I medici Isde
Ai medici ambientali che hanno scritto la legge è stato rifiutato il ruolo tecnico gratuito di uditori
14 giugno 2012 - Luca Marconi
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

NAPOLI — Sì del Consiglio regionale alla proposta di legge che istituisce in Campania il Registro dei tumori, strumento essenziale, anche ai fini del diritto dei cittadini in tribunale, di monitoraggio e tutela della salute pubblica. D testo è stato approvato ieri all`unanimità dopo che il presidente della commissione Sanità, Michele Schiano (Pdl) ha raggiunto un`intesa con il consigliere del Pd Nicola Caputo per il ritiro di numerosi emendamenti, alcuni dei quali recepiti Per favorire l`intesa l`assemblea era stata sospesa per oltre 40 minuti , dopo un avvio in salita. «Si tratta — ha poi sottolineato il relatore Schiano — di una legge di portata storica («La cui approvazione pone termine a una vergogna» per Legambiente, ndr) che pone la Campania al pari o addirittura al di sopra delle altre regioni italiane e che va nella direzione della buona sanità». Una legge attesa da almeno due anni, preparata con la collaborazione dei medici attivisti dellisde, esperti oncologi del Pascale e conoscitori dei problemi ambientali della Campania, che però si sono visti rifiutare l`incarico gratuito di uditori. E all`estemo del Consiglio reionale da alcune decine di persone del movimento cinue Stelle e InsurgenciaCivile che attendevano il varo della norma la circostanza è stata rimarcata.
«L`odierna approvazione del Registro dei tumori è una grande vittoria per i comitati — dicono poi i grillini in una nota —. Tuttavia i movimenti Cinque Stelle, Insorgenza Civile, Comitato Discarica Chiaiano e Napoli l`Altra che hanno condotto la battaglia per il registro dovranno, ora più che mai, vigilare affinchè la legge venga attuata e perché la stessa pecca di trasparenza: nonostante, infatti, le rassicurazioni di tutti i partiti la partecipazione tecnica, indipendente e gratuita dell`Isde è stata azzerata dalla politica, terrorizzata dal registrare la presenza ai lavori di esperti non nominati ne imparentati con la politica stessa. Con l`eliminazione come uditori gratis dei medici per l`ambiente i cittadini campani non hanno garanzia di un monitoraggio trasparente e la politica ha perso l`occasione di dimostrare che la sanità campana non è esclusivamente lottizzata». I registri saranno tré subprovinciali per Napoli e uno per ogni altra provincia affidati ai Dipartimenti di Prevenzione delle Asi, con al vertice un comitato tecnico scientifico che si riunisce ogni tré mesi all`osservatorio epidemiológico regionale e all`istituto Pascale viene istituito il Centro di coordinamento del registro tumori della Campania. I mèmbri dei due organismi operano a titolo gratuito e per la gestione del registro tumori la legge impegna un milione e mezzo di euro annui da versare alle Asi.

Powered by PhPeace 2.6.4